top of page

Cirneco dell'Etna: la sua variabilità genomica e la distanza genetica con altre razze canine

Aggiornamento: 28 ago 2023


Grazie ai continui progressi della tecnologia è oggi possibile ricostruire e preservare la storia delle razze animali. La genomica in particolare ha reso questo processo più completo permettendoci di investigare sul patrimonio genetico delle razze animali come quella canina del Cirneco dell'Etna. Vediamo perché è importante proseguire gli studi in questo settore e mantenere alta l'attenzione sulla tematica.


Il Cirneco dell'Etna è un'antica razza italiana di cani segugi da caccia. Le misure genomiche comunemente utilizzate come l'eterozigosi, gli indici di fissazione e le corse di omozigosi possono aiutare a migliorare la conoscenza della sua diversità genetica. Questo studio mira a:

1. Indagare sullo sfondo genomico del Cirneco;

2. Quantificare la sua consanguineità genomica;

3. Rilevare le regioni genomiche che differenziano i due colori del mantello consentiti del Cirneco, fulvo monocolore e marrone chiaro e bianco;


Il Canine 230 K SNP BeadChips è stato utilizzato per studiare 24 Cirneco (19 fulvo monocromatico e 5 marrone chiaro e bianco) e altri 106 cani di otto razze filogeneticamente e storicamente correlate. La distanza genetica, l'ascendenza e la relazione tra le razze sono state esplorate mediante il ridimensionamento multidimensionale, le distanze di Reynolds, l'albero filogenetico e l'analisi della mescolanza.


L'inbreeding genomico (FROH) è stato calcolato per ogni razza. Indice di fissazione medio di Wright F-ST è stato utilizzato per identificare i geni che maggiormente differenziavano i due gruppi di Cirneco. Tutte le analisi hanno evidenziato che Segugio Italiano e Kelb tal Fenek sono le razze più vicine al Cirneco. All'interno della razza, i soggetti fulvi e bianchi hanno mostrato un background genetico più eterogeneo e una minore consanguineità rispetto a quelli fulvi monocolore, anche se più della metà di questi ultimi presentava una commistione sovrapponibile.


Il gene che maggiormente ha differenziato questi due gruppi è il fattore di trascrizione associato alla microftalmia (MITF), precedentemente associato a macchie bianche in altre razze. Data la piccola dimensione della popolazione di Cirneco e il suo registro aperto, la sua gestione dovrebbe combinare attentamente valutazioni morfologiche e genealogiche con strumenti genetici per identificare i migliori allevatori mantenendo un patrimonio genetico accettabile.


Il Cirneco dell'Etna (Cirneco per concisione) è la più antica delle 16 razze canine italiane ufficialmente riconosciute dall'Ente Nazionale dell'ENCI, la cui definizione dello standard di razza risale al 1939. Questa razza Cirneco è riconosciuta anche a livello internazionale dalla Federation Cynologique Internationale (FCI) con standard di razza numero 199, classificata nel Gruppo 5 – Sezione 7 (Spitz e tipi primitivi - Cani da caccia di tipo primitivo) con prova di lavoro in Italia. Attualmente la diffusione di questa razza è molto limitata, con solo 15 allevatori iscritti ufficialmente in Italia, che insieme iscrivono mediamente 130 cuccioli all'anno al Registro di Origine Italiano (ROI) e al Registro Addizionale Riconosciuto (RSR, utilizzato in caso di genealogia sconosciuta o incompleta).


Il Cirneco è un cane di tipo mediterraneo descritto come eclettico e molto apprezzato come cane da caccia. Traccia la sua presenza fin dall'antichità in Sicilia (Italia), probabilmente discendendo dal cane da caccia del periodo faraonico dell'antico Egitto. Ipoteticamente questi cani potrebbero essere stati dispersi dall'Egitto e diffusi nel bacino del Mediterraneo dai Fenici durante i loro viaggi esplorativi. I reperti archeologici scavati in Sicilia raffiguranti immagini simili al Cirneco includono monete, incisioni e mosaici datati secoli prima di Cristo.


La razza Cirneco è definita come un cane di taglia media raccolto in una forma elegante e slanciata, di corporatura compatta e robusta, con pelo fine e orecchie dritte. L'altezza al garrese varia da 46 a 50 cm nei maschi (peso corporeo 10–13 kg) e da 44 a 48 cm nelle femmine (peso corporeo 8–11 kg). Presenta pelo a tessitura vitrea e fitta, liscio su testa, orecchie e zampe e semilungo (2,5 cm circa) liscio e aderente su corpo e coda. È descritto come un cane da caccia che usa il suo acuto senso dell'olfatto per individuare e inseguire il coniglio selvatico e altre piccole prede pelose e piumate. La razza essendo gentile, affettuosa, desiderosa e vivace nell'azione, può anche essere apprezzata come un ottimo cane da compagnia.


I Cirneco sono sempre stati molto ricercati per le loro abilità di caccia altamente sviluppate. Negli anni '70 il prezzo di vendita di un cucciolo di 40-50 giorni era di 100.000-150.000 lire italiane, corrispondenti al 30% del salario mensile medio dell'epoca (∼500.000 lire). Oggi i cani Cirneco sono molto richiesti in Europa e in Russia.


Le caratteristiche fenotipiche, in particolare i modelli di colorazione del mantello, non sono solo tratti fondamentali per definire le razze canine, ma anche implicazioni per determinare il valore economico di un cane. Lo standard di razza Cirneco consente un colore del mantello fulvo con sfumature dallo scuro al chiaro e tutte le sue diluizioni, e per un mantello marrone chiaro con macchie bianche: una fiammata o macchia bianca sulla testa/ petto/piedi/punta della coda/pancia, ed eventualmente anche un colletto bianco, anche se non apprezzato. È ammesso anche il mantello marrone chiaro con una miscela di peli leggermente più chiari e più scuri. Al contrario, i colori del mantello marrone uniforme, nero o tigrato, macchie nere o marroni o peli neri o marroni rappresentano difetti definitivi da squalifica. A partire dal 2016, il mantello bianco solido e il mantello bianco con macchie arancioni sono esentati a causa della mancanza di registrazioni di cani con questi colori.


La selezione intensiva di tratti come il colore del mantello è fondamentale per garantire la futura propagazione delle razze. Tuttavia, una forte pressione selettiva può anche portare a una maggiore presenza di consanguineità in piccoli gruppi di popolazione. L'applicazione congiunta di un pedigree affidabile e la valutazione genetica della diversità sono un trampolino di lancio centrale per lo sviluppo di programmi di conservazione volti a prevenire la depressione da consanguineità e anche a gestire il flusso genico che può causare fenotipi indesiderati.


Una strategia di allevamento mirata accompagnata da un affidabile sistema di verifica del pedigree è essenziale per l'implementazione di successo di un programma di allevamento ben definito, soprattutto se la sua efficacia è potenziata dall'uso di tecnologie genomiche come gli array SNP. Questo strumento è ormai ampiamente adottato per valutare la diversità genetica ed è lo strumento di scelta in diversi studi sulle razze di cani domestici, compresi quelli autoctoni italiani. I meccanismi di espressione della pigmentazione sono estremamente complessi; lo studio nei cani dell'informazione genomica accoppiata alla ricostruzione del pedigree sta ancora rivelando nuovi meccanismi, come recentemente affermato da Dreger et al.


Questo studio si concentra sulla caratterizzazione genetica della razza Cirneco, sia all'interno della popolazione rispetto ai diversi colori del mantello, sia rispetto ad altre razze ritenute strettamente imparentate dal punto di vista storico, geografico o fenotipico. In particolare, gli obiettivi di questo studio erano:


1. Studiare il background genomico del Cirneco e la sua mescolanza con altre razze affini;

2. Stimare l'inbreeding e l'outbreeding genomico

3. Esplorare le regioni genomiche che differenziano il bianco - fulvo Cirneco dagli altri;


Questo studio fornisce importanti nuove conoscenze sull'attuale diversità genetica e sulla struttura genomica della razza canina Cirneco. Le nostre analisi rivelano che Segugio Italiano (SIPR e SIPF) e KETF sono potenzialmente le razze che più probabilmente hanno influenzato il Cirneco. All'interno di questa razza, gli animali TW hanno mostrato uno stato di consanguineità genomica inferiore e si sono diffusi più ampiamente nel grafico MDS rispetto a SF. Inoltre, la loro mescolanza è più eterogenea, ma circa la metà di SF presenta un background genetico simile. Il gene che maggiormente differenzia questi due gruppi è il MITF, già noto per essere responsabile del white blazing in molte altre razze canine.



Questi risultati suggeriscono fortemente che la gestione di piccole popolazioni deve incorporare strumenti genetici per preservare sia la morfologia che il pool genetico limitando i potenziali effetti di consanguineità. Ciò è particolarmente vero per il Cirneco, dove i cani conformi allo standard possono essere iscritti all'anagrafe addizionale RSR anche se la loro genealogia è sconosciuta, nonostante ad un fenotipo standard non corrisponda necessariamente un genotipo puro.


Inoltre, le lacune nelle indagini genetiche comportano il rischio di introgressione di mutazioni legate a problemi che vanno oltre il colore del mantello. Pertanto, si consiglia vivamente di sviluppare e mantenere un database genomico Cirneco come risorsa preziosa per salvaguardarne la salute e la biodiversità e per garantire un futuro luminoso a un cane che ha un passato lontano.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto dello studio intitolato "Genomic variability of Cirneco dell’Etna and the genetic distance with other dog breeds" pubblicata sull'Italian Journal of Animal Science e consultabile integralmente al seguente link:

62 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page