Allevamenti sostenibili: il liquame suino può essere un valido contributo al miglioramento?


La sostenibilità è una delle prime preoccupazioni quando si tratta di agricoltura, specialmente negli ultimi anni. Ma non solo, l'incremento dei costi del petrolio e dei fertilizzanti spingono sempre più ricercatori a trovare soluzioni alternative per l'alimentazione degli animali da pascolo che possano soddisfare diverse esigenze economiche e soprattutto energetiche. Vediamo quindi come un team di ricercatori del Belgio ha trovato un'interessante soluzione che possa aiutare a ridurre l'impatto ambientale.


Un aspetto importante della sostenibilità è il riciclaggio e il riutilizzo degli scarti ogni volta che è possibile. Nel tempo sono stati adottati tanti approcci per economizzare i nutrienti provenienti dal letame prodotto dagli animali, ma a parte le complicazioni di tipologia meccanica o chimica, una soluzione diversa rispetto al passato è stata studiata con attenzione.



La domanda a cui i ricercatori hanno voluto rispondere è: cosa succederebbe se le piante venissero utilizzate negli allevamenti come convertitore dei nutrienti contenuti nel letame per realizzare un mangime ricco di essi? O ancora, fino ad ora sono stati utilizzati principalmente approcci chimici o meccanici per recuperare i nutrienti dal letame, ma è possibile trovare una soluzione più semplice ed elegante?


All’Università di Ghent, in Belgio, un gruppo di scienziati ha pubblicato uno studio in cui coltivavano una pianta conosciuta come “lenticchia d'acqua” (Lemna minor) nel liquame suino. Questa pianta, grazie al suo alto contenuto proteico e di altre importanti sostanze nutritive, è nota per avere una storia di utilizzo come alimento zootecnico risalente ad alcune centinaia di anni in alcune parti del mondo.


Perché proprio i liquami suini? Le lenticchie d'acqua coltivate nel letame suino sono interessanti perché quest’ultimo è liquido ed è facilmente accessibile. Inoltre, poiché la produzione suina in Europa e in molte altre parti del mondo è intensiva in alcune aree locali, vi sono serie preoccupazioni su come gestire grandi volumi di tale liquame, gli effetti dei nutrienti in eccesso nei campi, gli odori e altro ancora.



Nello studio belga, 3 sistemi di coltivazione di lenticchie d'acqua all'aperto su scala pilota sono stati monitorati per nove settimane ed è stato istituito un sistema pilota di coltivazione all'aperto di lenticchie d'acqua nel mese di agosto. Questo è stato monitorato per nove settimane per determinare le tendenze di accumulo di vari minerali, e il contenuto di minerali di lenticchie d'acqua è stato confrontato con gli standard per l'alimentazione animale e altro ancora.


I lati dei tini sono stati ricoperti con un foglio di plastica nera per escludere la luce e quindi prevenire la crescita delle alghe. I coperchi aperti dei tini erano coperti con schermi per impedire l'ingresso di insetti. Infine, la temperatura dell'aria, l'umidità, la luce e altri parametri sono stati monitorati quotidianamente.


Nel complesso, gli scienziati hanno scoperto che la lenticchia d'acqua ha il potenziale per essere utilizzata per trattare le acque reflue del letame suino mentre produce un ingrediente per mangimi ricco di minerali e proteine, con un contenuto proteico in questo studio del 35% di peso secco.


Tuttavia, poiché il letame suino non fornisce le condizioni migliori né contiene tutti i minerali richiesti dalla lenticchia d'acqua entro intervalli ideali, è un mezzo di crescita non ottimale per la pianta. Va anche notato che queste prove sono state progettate in modo che l'azoto e il fosforo rimangano elevati per promuovere la crescita della lenticchia d'acqua.


E mentre la composizione minerale della lenticchia d'acqua in questo studio era ricca di manganese (Mn), zinco (Zn) e ferro (Fe), non conteneva abbastanza rame (Cu) per l'alimentazione dei suini. I metalli pesanti potenzialmente nocivi come il piombo (Pb) erano al di sotto dei limiti di alimentazione stabiliti dalle direttive UE sui mangimi per suini, ma il contenuto di zinco supera i livelli massimi stabiliti nei mangimi completi per suinetti e scrofe.




I risultati:

I risultati dell’esperimento hanno dimostrato che le lenticchie d’acqua coltivate nel liquame hanno ottenuto un elevato contenuto proteico e minerale. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche che studino l’omogeneità della composizione alimentare, eventuale eccesso di acqua e integrazione nei mangimi secchi degli allevamenti suini.


Estendere questa coltivazione negli allevamenti suinicoli richiederebbe investimenti in contenitori e attrezzature per far funzionare il sistema, manodopera per la raccolta delle piante, test sui nutrienti delle lenticchie d'acqua e così via. Tuttavia, questi costi iniziali potrebbero essere recuperati nel tempo e diminuirebbero se i sistemi preconfigurati diventassero disponibili e diffusi.


Inoltre, le aree del pianeta con climi più caldi hanno un vantaggio perché la produttività delle lenticchie d'acqua è molto più alta a temperature più elevate e anche i costi del terreno sono generalmente più bassi.


 

Fonti:

L'articolo è stato riadattato dalla versione originale qui pubblicata:

https://www.allaboutfeed.net/all-about/new-proteins/making-high-protein-feed-ingredients-from-pig-waste/


65 visualizzazioni0 commenti