top of page

Ambiente: qual é il ruolo degli alimenti di origine animale nelle diete sane?


Le diete sane al giorno d'oggi non si contano più, e quelle che integrano gli alimenti di origine animale generano ancora discussioni sul loro impatto ambientale. Ma quali sono i dati a supporto? Vediamo una nuova ricerca pubblicata nel Journal of Nutrition, la quale analizza il ruolo delle diete ASF (animal-source foods) e il loro impatto sull'ambiente e sulla salute umana.


Le discussioni scientifiche e politiche sul ruolo degli alimenti di origine animale (ASF - animal-source foods) nelle diete sane e sostenibili dal punto di vista ambientale sono spesso polarizzanti. Per fare chiarezza su questo importante argomento, abbiamo esaminato criticamente le prove sui benefici e sui rischi per la salute e l'ambiente delle ASF, concentrandoci sui principali compromessi e tensioni, e abbiamo riassunto le prove sulle proteine alternative e sugli alimenti ricchi di proteine.


Le ASF sono ricche di nutrienti biodisponibili comunemente carenti a livello globale e possono dare importanti contributi alla sicurezza alimentare e nutrizionale. Molte popolazioni dell'Africa subsahariana e dell'Asia meridionale potrebbero trarre vantaggio dall'aumento del consumo di ASF attraverso un migliore apporto di nutrienti e una riduzione della denutrizione.


Laddove il consumo è elevato, la carne lavorata dovrebbe essere limitata e la carne rossa e i grassi saturi dovrebbero essere moderati per ridurre il rischio di malattie non trasmissibili: ciò potrebbe anche avere benefici collaterali per la sostenibilità ambientale. La produzione di ASF ha generalmente un grande impatto ambientale; tuttavia, se prodotte su scala appropriata e in accordo con gli ecosistemi e i contesti locali, le ASF possono svolgere un ruolo importante in agroecosistemi circolari e diversificati che, in determinate circostanze, possono aiutare a ripristinare la biodiversità e il suolo degradato e mitigare le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione alimentare.


La quantità e il tipo di ASF sano e sostenibile dal punto di vista ambientale dipenderanno dal contesto locale e dalle priorità sanitarie e cambieranno nel tempo man mano che le popolazioni si sviluppano, le preoccupazioni nutrizionali si evolvono e gli alimenti alternativi delle nuove tecnologie diventano più disponibili e accettabili. Gli sforzi dei governi e delle organizzazioni della società civile per aumentare o diminuire il consumo di ASF dovrebbero essere considerati alla luce dei bisogni e dei rischi nutrizionali e ambientali nel contesto locale e, soprattutto, coinvolgere integralmente le parti interessate locali interessate da eventuali cambiamenti. Sono necessarie politiche, programmi e incentivi per garantire le migliori pratiche nella produzione, frenare il consumo in eccesso dove è alto e aumentare in modo sostenibile il consumo dove è basso.


Gli ASF sono un gruppo eterogeneo di alimenti che hanno proprietà uniche e possono contribuire a diete sane in modi importanti. Gli ASF sono ricchi di nutrienti biodisponibili che sono comunemente carenti a livello globale, tra cui ferro, zinco, calcio, vitamine B12 e D, colina, EPA, DHA e EAA. ASF e PSF hanno profili nutrizionali complementari e le diete contenenti sia ASF che PSF riducono il rischio di carenze nutrizionali.


Allo stesso tempo, il consumo eccessivo di carne lavorata, carne rossa e grassi saturi può aumentare il rischio di NCD. La produzione di ASF ha generalmente un grande impatto ambientale; tuttavia, se prodotto su scala appropriata e in accordo con gli ecosistemi e i contesti locali, il bestiame può svolgere un ruolo importante in agroecosistemi circolari e diversificati che, in determinate circostanze, possono aiutare a ripristinare la biodiversità e il degrado del suolo, mitigare le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione alimentare e contribuire alla sicurezza alimentare e alla nutrizione delle popolazioni di tutto il mondo.



Non esiste un approccio valido per tutti o una quantità complessiva di ASF che sia sana e sostenibile dal punto di vista ambientale. Dipende dal contesto locale e dalle priorità sanitarie e cambierà inevitabilmente nel tempo con lo sviluppo delle popolazioni; man mano che le preoccupazioni nutrizionali si evolvono; e man mano che gli alimenti alternativi delle nuove tecnologie diventano praticabili, sostenibili, convenienti e accessibili.


Le popolazioni che consumano alti livelli di carne, in particolare carne lavorata, beneficerebbero generalmente di un consumo ridotto (con dividendi sia per la salute umana che per quella ambientale). Al contrario, coloro che consumano bassi livelli di ASF e sono a rischio di denutrizione trarrebbero generalmente beneficio da un aumento del consumo. Eventuali sforzi da parte di decisori politici, donatori, organizzazioni internazionali o gruppi della società civile per aumentare o diminuire il consumo di ASF dovrebbero essere considerati alla luce dei bisogni e dei rischi nutrizionali e ambientali nel contesto locale e, soprattutto, coinvolgere integralmente le parti interessate locali interessate da eventuali cambiamenti.


Tutti i ASF hanno un ruolo da svolgere in determinati contesti per ottimizzare l'uso delle varie condizioni ecologiche e accogliere le diverse tradizioni culturali in tutto il mondo. Ad esempio, ruminanti e prodotti lattiero-caseari hanno il potenziale per essere prodotti in modo sostenibile laddove i pascoli costituiscono un'ampia porzione della terra disponibile, mentre la ASF acquatica potrebbe avere la priorità nelle aree con accesso a grandi masse di acqua dolce o salata.



A livello individuale, le diete sane e sostenibili possono assumere molte forme, che vanno dalle diete esclusivamente vegetali a quelle ricche di una varietà di ASF e PSF. Non esiste un ruolo unico per tutti gli ASF applicabile a tutti i contesti e il loro ruolo si evolverà inevitabilmente nel tempo. Tuttavia, le ASF, tra cui carne, latticini, uova e ASF acquatiche, svolgono ruoli importanti e distinti nel raggiungimento di sistemi alimentari sani e sostenibili in diversi contesti in tutto il mondo e continueranno a farlo per il prossimo futuro. Sono necessari sforzi per garantire le migliori pratiche di produzione, frenare il consumo in eccesso dove è alto e aumentare in modo sostenibile il consumo dove è basso.


La nota conclusiva degli autori

Vi sono grandi benefici nutrizionali per gli alimenti di origine animale e dobbiamo produrli in linea con gli ecosistemi locali e su scala appropriata, utilizzando agroecosistemi circolari e diversificati. Abbiamo bisogno di consumare alimenti di origine animale nel contesto di diete sane e poco lavorate.

È importante notare che gli autori hanno una gamma di diete da quelle completamente vegetali a quelle onnivore.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto della pubblicazione qui consultabile in versione integrale:

Friend or Foe? The Role of Animal-Source Foods in Healthy and Environmentally Sustainable Diets - Ty Beal 1, 2, *, Christopher D. Gardner 3, Mario Herrero 4, Lora L. Iannotti 5, Lutz Merbold 6, Stella Nordhagen 7, Anne Mottet 8


1-s2.0-S0022316622131378-main
.pdf
Download PDF • 1.68MB




20 visualizzazioni0 commenti
bottom of page