top of page

Foglie di olivo: è un possibile mangime alternativo per l'agnello in fase di ingrasso?



L'alimentazione degli animali da pascolo è molto importante fin dalle prime fasi di vita, come è altrettanto essenziale tenere conto delle caratteristiche nutrizionali che gli alimenti possono fornire. Un recente studio ha analizzato le foglie di olivo come tipologia di alimento nuovo e alternativo rispetto a quello classico somministrato regolarmente. Quali sono i suoi benefici? Quali i punti critici? Vediamolo nel dettaglio.


Quando parliamo dell'alimentazione degli animali da pascolo dobbiamo tenere conto di numerosi fattori che vanno ad incidere non solo nel loro benessere, ma anche nella loro crescita e nella resa della carne. Inoltre, anche i costi economici non vanno esclusi da questa analisi perché sempre più incisivi soprattutto nel reddito del pastore o allevatore.


Lo studio

Secondo la più recente stima della popolazione delle Nazioni Unite, ci sono 7,3 miliardi di esseri umani sulla terra e questa stima potrebbe crescere fino a 9,7 miliardi entro il 2050. Ciò aumenta la domanda globale di prodotti animali, principalmente proteine e carne.


Nel Mediterraneo, in particolare in Giordania, la maggior parte di queste richieste viene soddisfatta utilizzando pecore domestiche, ampiamente disperse, piccoli ruminanti allevati per la lana, la carne, il latte e la pelle. Oltre ad avere una coda grassa, questa razza si adatta bene ad ambienti semi-aridi.


Tuttavia, la disponibilità e il costo dei mangimi nelle regioni aride e semiaride (come la Giordania) rappresentano ostacoli critici per gli agricoltori e gli allevatori di pecore. In passato i prati erano la principale fonte di nutrimento per le pecore. Tuttavia, a causa dell'assenza di precipitazioni, i pascoli sono stati colpiti negativamente e attualmente non soddisfano le esigenze alimentari degli animali.


Pertanto, gran parte del mangime per animali proviene dall'esterno, il che aumenta il costo della dieta. Per risolvere questi problemi, gli allevatori hanno iniziato a utilizzare mangimi alternativi come componente delle razioni dei ruminanti. Considerando i costi crescenti dei mangimi, i nutrizionisti animali hanno iniziato a concentrarsi sul miglioramento dell'uso delle fonti di mangime disponibili da parte del bestiame.


Precedenti ricerche hanno suggerito che l'esame di mangimi alternativi ridurrà, si spera, il costo di produzione e alla fine aumenterà i profitti. Pertanto, qualsiasi riduzione dei costi di alimentazione senza alterare il benessere dell'animale è preziosa. Di conseguenza, questa ricerca si è concentrata sull'utilizzo delle foglie di olivo (OL) per migliorare l'efficienza dell'allevamento degli agnelli per l'utilizzo delle proteine, ha anche coinvolto completamente il processo di scarto di residui vegetali o industriali che non sono adatti al consumo umano.


Questa pratica ha un impatto positivo sul costo dei mangimi e allo stesso tempo aiuta a smaltire residui vegetali o industriali, che a loro volta ridurranno il potenziale inquinamento se rimasti senza utilizzo. Inoltre, sosterrà l'industria ovina fornendo mangimi economici. Il frutto dell'oliva passa tipicamente attraverso un processo a più stadi che produce 200 g/kg di olio e 800 g/kg di DM base di sottoprodotto suddiviso in liquore semisolido e acquoso, che è chiamato panello di olive.


Mancano applicazioni preziose per OL che siano la raccolta delle olive o la produzione di olio d'oliva. Hukerdi et al. ha recentemente osservato che la sostituzione completa del fieno di erba medica con OL (0, 75 o 150 g/kg di sostanza secca alimentare (DM)) non ha avuto alcun effetto sull'assunzione di DM, sul guadagno medio giornaliero (ADG) o sul peso corporeo finale.


Allo stesso modo Mattioli et al. ha scoperto che i conigli in crescita alimentati con OL a 100 g/kg di DM dietetico al posto della crusca e parte del fieno di erba medica avevano peso corporeo vivo, ADG e assunzione di mangimi simili. L'ipotesi di questo studio è che l'utilizzo di OL essiccati al sole ridurrà il costo di produzione senza conseguenze negative sulle prestazioni di crescita e sulle caratteristiche della carcassa. L'obiettivo dello studio era valutare l'effetto dell'alimentazione di diete di agnelli in crescita contenenti OL come sostituzione parziale della paglia di grano.



C'è un impatto positivo tra il tasso di incorporazione di OL e il costo del mangime nelle diete per agnelli Awassi, come mostrato nel nostro studio. Questo risultato concorda con la precedente letteratura scientifica che si concentrava sui mangimi alternativi come un modo per ridurre il costo delle diete animali convenzionali. Questi risultati potrebbero essere attribuibili al fatto che i mangimi alternativi sono meno costosi dei mangimi convenzionali.


Inoltre, a causa dell'incorporazione di OL come mangime alternativo, supponendo che non abbia alcun impatto negativo sulla salute e sulle prestazioni degli animali come abbiamo osservato nelle condizioni del presente studio, il costo della dieta è diminuito, influenzando positivamente i costi di produzione. Pertanto, l'uso di tale sottoprodotto aiuterà l'allevatore a migliorare la propria redditività.


In generale, i mangimi alternativi hanno un costo inferiore rispetto ai mangimi convenzionali. Quindi, la diminuzione percentuale del costo per kg di guadagno è stata attribuita alla diminuzione del costo totale della dieta dovuta all'incorporazione di OL. Questa riduzione è stata simile a quella riscontrata da Omar quando hanno nutrito la torta di olio di sesamo degli agnelli Awassi come mangime alternativo.


Allo stesso modo, quando Obeidat et al. ha parzialmente sostituito i chicchi d'orzo con i baccelli di carruba, il costo di produzione è stato ridotto. In generale, l'uso di tale prodotto ha ridotto il costo delle diete e il costo del guadagno negli agnelli alimentati con le diete OL, che a sua volta migliorerà l'uso benefico di mangimi alternativi come OL.


In accordo con il nostro studio, non sono state riscontrate differenze nei parametri di digeribilità e di equilibrio N quando gli agnelli Awassi sono stati alimentati con diete contenenti sanse di olive essiccate al sole e sanse di olive essiccate al sole trattate con acido. La digeribilità apparente in vivo dell'OL è influenzata dall'età dell'olivo, l'OL è più digeribile quando proviene da un albero giovane rispetto a quelli più vecchi.


Delgado-Pertıñez et al. ha osservato che quando gli OL venivano essiccati, la digeribilità di DM e CP diminuiva. Fegeros et al. ha scoperto che quando gli OL freschi vengono trattati con una soluzione di ammoniaca, l'apparente digeribilità di EE, CP e NDF aumenta. I tannini condensati totali sono relativamente più alti in OL (9,49 mg/g DM) che nella paglia di grano (0,04 g/mg DM). La digeribilità e il bilancio N non sono stati influenzati dal leggero aumento dei tannini condensati. L'attuale studio ha approvato che l'uso di OL nelle diete degli agnelli in crescita non ha avuto alcun impatto sulla digeribilità dei nutrienti e sull'equilibrio di azoto.


Per quanto riguarda le prestazioni di crescita, gli studi precedenti concordano con il nostro studio sull'allevamento di agnelli integrato con OL. Il fatto che gli agnelli siano cresciuti a tassi simili, risultando in pesi e caratteristiche della carcassa corrispondenti dopo la prova, si riflette nell'uniformità di DM durante le tre diete con proprietà isonitrogene e isocaloriche.


Inoltre, le diete per agnelli possono incorporare panelli di olive a 150 g/kg di mais e non hanno ancora alcun effetto su ADG, peso della carcassa e percentuale di condimento. Anche quando Christodoulou et al. ha utilizzato un sottoprodotto delle olive (scarto di olive fermentate), che è più alto nei valori di NDF e ADF rispetto all'OL utilizzato in questo studio, non ha mostrato effetti avversi su assunzione, ADG, BW finale, FCR, peso della carcassa , o componenti per agnelli.


Come uno studio recente descritto da Obeidat et al., dimensioni simili del longissimus dorsi sono state trovate quando gli agnelli Awassi sono stati alimentati con diete contenenti diversi mangimi alternativi (ad esempio lupino dolce). Inoltre, i risultati di Taheri et al. per quanto riguarda le misurazioni del muscolo longissimus dorsi concordano con i nostri risultati, poiché non hanno riscontrato differenze nella lunghezza, profondità e profondità del grasso dorsale del muscolo longissimus dorsi negli agnelli quando sono stati alimentati con diete contenenti insilato di polpa di olive.


La CL e la tenerezza del muscolo longissimus dorsi non sono risultate diverse quando gli agnelli sono stati alimentati con diete contenenti panello di olive che concordavano con i nostri risultati. Tuttavia, la quantità di sansa di olive ha migliorato la capacità di ritenzione idrica della carne, il che contrasta con i nostri risultati. Ciò potrebbe essere dovuto a una varietà di fattori, come il tempo di macellazione, il peso della carcassa e il tempo di invecchiamento della carne, che possono tutti influenzare la capacità del muscolo di trattenere l'acqua Abdullah e Qudsieh.


Analogamente ai nostri risultati, Ozdogan et al. ha riferito che i parametri di colore del longissimus dorsi non erano diversi quando gli agnelli venivano nutriti con olive. Inoltre, Obeidat et al. ha scoperto che quando nutrito con lupino dolce, le caratteristiche cromatiche del muscolo longissimus dorsi negli agnelli Awassi erano paragonabili a quelle che abbiamo trovato in questo studio.



Ciò è molto probabilmente dovuto alle somiglianze nel pH del muscolo longissimus dorsi. La somiglianza nelle variabili di crescita ha avuto un riflesso simile sulle caratteristiche delle carcasse e sulla qualità della carne, e questo è di per sé un risultato positivo quando si utilizzano mangimi alternativi nell'alimentazione degli animali. Pertanto, è possibile raccomandare l'uso di questo mangime per nutrire animali in crescita.


L'attuale studio ha dimostrato che le foglie di olivo possono essere utilizzate per produrre agnelli senza generare problemi di salute o influire sulle prestazioni di crescita, sulle caratteristiche della carcassa e sulla qualità della carne nelle condizioni del presente studio. Di conseguenza, sembra che incorporare le foglie di olivo nella dieta degli agnelli Awassi sia vantaggioso per gli allevatori. Sono necessari ulteriori studi di ricerca per studiare l'effetto dell'alimentazione di OL a livelli più elevati.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto dello studio "Olive leaves as alternative feed for finishing lambs: evaluation of feed intake, nutrients digestibility, growth performance, and carcase quality" e può essere consultato nella versione integrale al seguente link:

https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/1828051X.2023.2179429

41 visualizzazioni0 commenti
bottom of page