top of page

L'importanza della carne: alimento prezioso in un ambiente ostile


Il consumo di carne, soprattutto la cosiddetta carne rossa, è costantemente sotto attacco non solo dai promotori di uno stile di vita vegetariano o vegano, ma le critiche arrivano talvolta anche dal mondo scientifico, il quale avanza delle proposte alternative che non detengono ancora sufficiente supporto scientifico. Ma siamo sicuri che l'abbandono di questo alimento sia un beneficio e non un rischio per la salute umana? Il presente articolo vuole introdurre alcune riflessioni che possono aiutare il dibattito in merito. Vediamolo nel dettaglio.


Le opinioni contemporanee sulla carne riflettono uno status ambiguo di apprezzamento e rifiuto, soprattutto nell’Occidente urbanizzato, e tendono ad avere forti connotazioni morali. La rappresentazione della carne (rossa) come una scelta alimentare intrinsecamente dannosa da parte di alcuni accademici, organizzazioni non governative, mass media e partenariati pubblico-privato contribuisce a questa tensione. Sebbene la maggior parte di queste voci chieda semplicemente una moderazione del consumo di carne nelle aree ad alto consumo, altre sono radicali e chiedono una riduzione drastica o addirittura l’eliminazione.


Alcuni scienziati stanno iniziando ad esprimere la loro preoccupazione per la tendenza in corso verso comunicazioni sbilanciate e militanza anti-carne sia nei circoli accademici che politici. La minaccia percepita non è solo che la denigrazione della carne possa aggiungersi alla continua moralizzazione delle scelte alimentari e alla polarizzazione sociale, ma anche che possa ulteriormente indebolire una situazione già precaria di salute pubblica e un sistema alimentare fragile, in particolare (ma non solo) nel Sud del mondo.


Ridurre al minimo il bestiame può anche comportare effetti dannosi non intenzionali sugli ecosistemi e sui mezzi di sussistenza. La “Dichiarazione degli scienziati di Dublino sul ruolo sociale del bestiame”, pubblicata nell’Ottobre 2022, esemplifica tale preoccupazione. Insieme all’insieme di prove a cui fa riferimento, la Dichiarazione di Dublino deve essere letta come una richiesta di pragmatismo, che richiede standard di prova sufficientemente elevati e un maggiore rispetto del principio di cautela quando si tratta di politiche che hanno l’intenzione di sfidare il ruolo della carne e di altri alimenti di origine animale nelle diete future.



La carne occupa un posto speciale nella dieta umana, non solo biologicamente ma anche socialmente. Inoltre, è stato sostenuto che la carne è un pharmakon: può essere vista sia come una cura che come un veleno, a seconda della prospettiva e del contesto, e talvolta funge da pharmakos o capro espiatorio, come spesso è il caso caso del bestiame in senso più ampio.


La maggior parte delle popolazioni tradizionali e storiche ha apprezzato la carne come alimento nutriente e culturalmente importante, trasmettendo ricche nozioni di vitalità, generosità e status. Tuttavia, nel corso della storia, alcuni individui o gruppi si sono volontariamente astenuti dal consumo di carne. In quanto atto di negazione, e invertendo il capitale simbolico della carne, questa è stata in molti casi una dichiarazione spirituale o morale. Quest’ultimo esprime autocontrollo e purezza, talvolta rafforzati anche da sentimenti di compassione e ansie per la vita e la morte, tanto che il consumo di carne finisce per essere dipinto come un “consumo di cadavere” e come una perversione moralmente carente e non necessaria.


Nonostante una tale trasvalutazione dei valori nietzscheana, diventata più evidente con l’ascesa del vegetarianismo proselitico e dell’attivismo per i diritti degli animali nell’Occidente urbanizzato, la carne continua ad essere molto apprezzata dalla maggior parte dei cittadini. Detto questo, garantire gli attuali livelli di consumo in un contesto di popolazione globale in crescita con un maggiore potere d’acquisto, che richiede più carne, comporta anche sfide dal lato della produzione, in particolare per quanto riguarda l’impatto ambientale e il benessere degli animali. Per questo motivo, le strategie per ridurre il consumo di carne sono in cima all’agenda delle discussioni sui sistemi alimentari.


Alcuni non saranno d’accordo sul fatto che sia ragionevole richiedere un grado sostanziale di trasformazione dell’agricoltura zootecnica verso prestazioni più sostenibili, anche se esiste un dibattito su come raggiungere questo obiettivo e in che misura ciò potrebbe influenzare i livelli di produzione o di consumo. Allo stesso modo, è consigliabile valutare la posizione della carne nelle diete sane sulla base di approfondimenti scientifici in evoluzione, soppesando i potenziali vantaggi e svantaggi dei cambiamenti nei livelli di consumo quando si tratta della salute delle persone. individui e popolazioni specifiche.


Le conseguenze sulla salute sia del consumo che della rinuncia alla carne sembrano essere contestuali, un aspetto che richiede ricerche più dedicate. Il problema, tuttavia, è che gli approcci riduzionisti e radicalizzati guidati da:


(1) conoscenza insufficiente del contesto più ampio e delle realtà pratiche sia dell’agricoltura che della fisiologia umana;

(2) varie forme di ideologia all’interno del mondo accademico, delle organizzazioni non governative e della politica ambientali;

(3) l'influenza degli interessi acquisiti legati al mercato delle "carni alternative" (ad esempio carne da laboratorio e imitazioni a base vegetale), tendono ad essere altamente mediatizzati e ad occupare uno spazio più ampio nel discorso pubblico rispetto alle petizioni per approcci sfumati e interventi più pragmatici e attenti.


L'articolo in questione tenta di rispondere a due domande principali che sono pertinenti a qualsiasi dibattito sul futuro della carne, ma che sono state comunque affrontate solo scarsamente nella letteratura scientifica:


(1) quanto è diffuso e influente il radicalismo anti-carne?


(2) quanto i vantaggi e l’utilità della carne (e di altri alimenti di origine animale) dovrebbero essere difesi in un ambiente sempre più polarizzato, e talvolta persino ostile, in modo da poter identificare strategie più equilibrate per la trasformazione dei sistemi alimentari?


Radicalismo anti-carne negli ambienti scientifici e politici

A parte la conoscenza frammentata e le voci ideologicamente colorate nel dibattito pubblico sul consumo di carne, anche la scienza può soffrire degli stessi difetti, intenzionalmente o meno. Da un lato, le scoperte scientifiche sensazionali tendono a suscitare maggiore attenzione e ad ottenere più facilmente effetti di diffusione accademica. Sia le cellule di comunicazione della ricerca universitaria che la stampa popolare hanno una predisposizione a raccogliere scoperte sensazionali, controverse e quindi degne di notizia. D’altro canto, diversi stakeholder industriali e sociali alimentano la ricerca accademica attraverso il sostegno finanziario, amplificando così la tendenza a presentare una storia unilaterale. Ovviamente è altrettanto vero che esistono anche narrazioni pro-carne sbilanciate e influenti. Tuttavia, questi vanno oltre lo scopo del documento analizzato e richiedono una propria analisi dedicata.



Radicalismo emergente nella comunità scientifica

Presentando il concetto di abolizione del bestiame come un argomento sufficientemente importante da giustificare una discussione scientifica sui suoi potenziali risultati dannosi, come fatto da Leroy et al., rischia di essere visto da alcuni come un ago nel pagliaio all’interno del più ampio dibattito sulla riduzione della carne. In effetti, gli appelli a favore del vegetarianismo o del veganismo generalizzati sembrano essere sostenuti solo da una minoranza di scienziati, i quali sostengono che questa dovrebbe essere la norma generale per ragioni di salute, sostenibilità e/o etica. Tale radicalismo scientifico, tuttavia, di solito non è un mero esercizio intellettuale ma funge anche da invito all’azione, con l’obiettivo di influenzare la società in generale. Data la portata della loro ambizione, tali proposte spesso suggeriscono l’impiego di strategie estreme.


Poiché "l'aumento del gusto del cibo vegetariano non è sufficientemente motivante" da provocare un allontanamento dalla carne, alcuni scienziati hanno suggerito l'uso di stimoli visivi che inducono compassione sulla confezione del prodotto o sull'arredamento del ristorante, sulle tecniche di vergogna e interventi basati sul disgusto, come la contaminazione deliberata della carne con colorante blu e strategie simili a quelle utilizzate sui pacchetti di sigarette. Altri suggerimenti includono la creazione di reazioni allergiche alla carne bovina utilizzando "cerotti di carne" simili ai cerotti alla nicotina, l'organizzazione di campagne di comunicazione pubblica per attaccare l'"associazione consolidata" tra consumo di carne e tratti maschili desiderabili, o addirittura un divieto legale generalizzato sulla carne.


Anche se tali opinioni sono sostenute solo da una minoranza nella comunità accademica, sono sensazionalistiche e tendono a ricevere un’attenzione sproporzionata. In particolare nell’odierna “economia dell’attenzione”, caratterizzata da dinamiche di click-bait, ciò può portare a un apprezzamento distorto di tali opinioni da parte dei media e del pubblico.


Come andare avanti?

Come contro-reazione agli scenari proposti nella sezione precedente, vari esperti hanno messo in guardia contro i potenziali esiti dannosi di interventi eccessivamente drastici sul sistema alimentare che desiderano restringere la vasta eterogeneità all’interno dello spettro alimentare globale verso una “dieta sana e sostenibile” progettata centralmente. Gli avvertimenti si riferiscono, ad esempio, alla trappola del nutrizionismo in un contesto di politica alimentare, alla sopravvalutazione del potenziale delle carni alternative, e l’incapacità di contestualizzare il ruolo critico del bestiame nella sicurezza alimentare e nutrizionale, nei mezzi di sussistenza e nell’uguaglianza di genere, soprattutto nell’agricoltura di piccoli proprietari terrieri che è responsabile del 70% della produzione alimentare in Africa.


Alcuni autori hanno anche sottolineato che non vi è un riconoscimento sufficiente delle implicazioni di bilancio del cambiamento dietetico proposto, ignorando le complessità etiche e le pratiche socio-culturali, al punto da essere neocolonialista. Per quanto riguarda l’impatto ambientale, è stato sostenuto che le funzioni ecologiche più ampie del bestiame sono spesso trascurate e i loro risultati negativi sopravvalutati, soprattutto nel caso dei ruminanti. Anche l’uso sostenibile del territorio deve essere preso in considerazione nello sforzo di nutrire una popolazione umana in crescita in modo da proteggere il capitale naturale e la biodiversità.


Il bestiame, come parte di un sistema alimentare circolare che utilizza terreni non adatti alla coltivazione di colture e sottoprodotti del sistema alimentare, può migliorare l’efficienza dei terreni agricoli per nutrire una popolazione. Inoltre, è necessario tenere conto dei compromessi ecologici negativi derivanti dal cambiamento del sistema rispetto all’agricoltura per le produzioni animali, ad esempio per quanto riguarda l’impatto sullo spreco di acqua.


Tutto ciò ovviamente porta con sé una serie di grandi difficoltà e sfide, ma si prevede che la trasformazione dall’interno del sistema attuale, basandosi su una combinazione produttiva di saggezza esistente e innovazione scientifica, avrà maggiori possibilità di successo, rispetto all’alternativa di un sistema alimentare nuovo e sperimentale in cui gli alimenti provenienti dai bioreattori sono dominanti e gli alimenti di origine animale sono stati ridotti al minimo a livelli irrilevanti.



Nel primo scenario, gli animali rimangono parte della soluzione, anziché essere visti come un problema da minimizzare. Che ciò significhi o meno anche una minore produzione e consumo di carne nell’Occidente urbano, dovrebbe essere considerato come un risultato della trasformazione, non come un obiettivo a priori che definisce l’agenda. L’adeguamento dei sistemi di produzione animale a un livello più elevato di prestazioni agroecologiche combinando una ragionevole interazione tra approcci dal basso verso l’alto (per stimolare la diversità) e dall’alto verso il basso (per pubblicare linee guida basate sull’evidenza) porterà alla fine al proprio cambiamento in entrambe le produzioni. e livelli di consumo. È nostra opinione che, rispetto ad uno schema di Grande Trasformazione Alimentare, ciò avverrà con una minore possibilità di sconvolgere le funzioni integrative e la produttività di un sistema altamente complesso.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della ricerca intitolata "Meat matters - making the case for a valuable food in a hostile environment" pubblicata sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link:

39 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page