Il lupino, una promettente fonte proteica alternativa per gli alimenti destinati all’acquacoltura



La rapida crescita del settore dell'acquacoltura ha portato a una domanda sempre crescente di farina di pesce, la fonte proteica predefinita nella maggior parte dei mangimi composti. Pertanto, si stanno cercando alternative e l'interesse maggiore è stato finora posto sulle proteine ​​di origine vegetale, principalmente soia. Tuttavia, l'utilizzo della soia è problematico, poiché l'abbondanza di molti fattori antinutrizionali nei prodotti a base di soia può produrre effetti negativi se somministrata agli organismi acquatici, mentre la produzione di soia è generalmente insostenibile e dannosa per l'ambiente.


Le piante del genere Lupinus sembrano essere un'interessante alternativa alla soia grazie alla loro composizione relativamente favorevole e alla disponibilità regionale. Lo scopo di questa revisione era valutare la possibilità di utilizzare proteine ​​derivate dal lupino negli alimenti acquatici. Precedenti ricerche hanno dimostrato che questa materia prima si è rivelata altamente benefica per diverse specie.



L'attenzione principale è stata posta sull'applicazione del lupino nelle diete di salmonidi (trota iridea, salmone atlantico), ciprinidi (carpa comune), pesci perciformi (sparidi, barramundi, tilapia) e gamberetti. La maggior parte degli studi ha dimostrato che il lupino può sostituire la farina di pesce anche al 40-50%, il che è un risultato molto promettente. Tuttavia, si sono verificate discrepanze significative confrontando gli effetti di diverse specie di lupino (lupino a foglia stretta, lupino bianco, lupino giallo) e le loro cultivar.


Inoltre, occorre tenere conto anche della lavorazione tecnologica dei semi, che può modificarne nettamente le proprietà nutritive iniziali. Riassumendo, i dati raccolti indicano che il lupino potrebbe essere un efficiente sostituto della farina di pesce per i mangimi acquatici, ma studi futuri devono prendere in considerazione il tipo di seme e la lavorazione applicata.


Fino ad ora, la principale fonte vegetale alternativa di proteine ​​per i mangimi per acquacoltura è stata la farina di soia (SBM), caratterizzata da un elevato contenuto proteico e da un profilo aminoacidico favorevole. Tuttavia, il sempre crescente sfruttamento delle colture di soia sia per l'alimentazione umana che per la produzione di bestiame ha portato a un aumento significativo dei prezzi della soia negli ultimi 20 anni.


Si teme inoltre che la crescita frenetica della produzione di soia abbia contribuito alla deforestazione e allo spostamento di altri sistemi di produzione alimentare nei paesi tropicali e subtropicali. Inoltre, i mangimi a base di SBM come componente proteica principale non coprono completamente il fabbisogno alimentare dei pesci a causa della presenza di fattori antinutrizionali nei semi di soia. Le più dannose di queste sostanze sono: fibre, acido fitico, emoagglutinine, inibitori enzimatici, saponine, fitoestrogeni, fitosteroli, oligosaccaridi e lectine.



Pertanto, si stanno ancora ricercando fonti proteiche vegetali alternative per l'uso nell'alimentazione degli animali acquatici. Tra le colture che erano già state valutate in numerosi studi di acquacoltura ci sono: mais, frumento, orzo e colza.


Inoltre, un'altra possibilità promettente è l'uso di micro e macroalghe, in particolare per la coltura di invertebrati erbivori, ma anche le aggiunte dietetiche per il pesce rimangono un'opzione. Tutto sommato, c'è ancora molto lavoro da fare per quanto riguarda le proteine ​​vegetali per la formulazione di aquafeed, soprattutto se si considerano gli aspetti economici dell'ottenimento di tali prodotti, ad esempio, la coltura di microalghe rimane estremamente costosa .



Qualche dato sull'acquacoltura

L'acquacoltura è attualmente l'industria alimentare in più rapida crescita. Nel 2020, il volume globale della produzione in questo settore è stato di 87,5 milioni di tonnellate di animali acquatici e 35,1 milioni di tonnellate di alghe e altre alghe, facendo impallidire i numeri dell'anno 1990, che produceva solo 17 milioni di tonnellate di prodotti dell'acquacoltura.


Tale rapida espansione è stata possibile grazie a numerosi miglioramenti tecnologici, inclusi vari progressi nel campo della nutrizione degli animali acquatici. Come tutte le altre industrie di allevamento intensivo, l'acquacoltura dipende fortemente dall'uso di mangimi ben bilanciati per mantenere la produzione. Tuttavia, le proprietà fisiche dei mangimi progettati per l'uso in acquacoltura differiscono in una certa misura da quelle dei mangimi utilizzati in altri settori di produzione animale a causa delle evidenti differenze tra la somministrazione di tali mangimi a terra e in acqua.


La capacità delle specie coltivate di assorbire i nutrienti contenuti in questi mangimi, così come la densità, la durata o il tasso di affondamento dei pellet sono solo alcune delle molte caratteristiche fisiche e meccaniche che i produttori considerano quando formulano i mangimi. La farina di pesce (FM) era la fonte proteica più comunemente utilizzata in acquacoltura, in quanto caratterizzata da un elevato valore nutritivo e appetibilità, ma la sua disponibilità e i prezzi di mercato erano già emersi come seri problemi almeno un decennio fa.


Il FM era economico e ampiamente accessibile, ma la rapida crescita del settore dell'acquacoltura ha contribuito in modo significativo alla sua crescente domanda, che a sua volta ha portato alla pesca eccessiva e alla conseguente distruzione degli ecosistemi acquatici.


In effetti, i tassi di cattura di pesce e frutti di mare si sono stabilizzati e la maggior parte delle principali zone di pesca ha già raggiunto il proprio massimo potenziale.

Il mantenimento dell'approvvigionamento di farina di pesce proveniente dalla pesca non soddisferà quindi la crescente domanda globale di questa materia prima utilizzata per la produzione di mangime acquatico.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto della review pubblicata sulla rivista Aquaculture Reports intitolata “Lupin: A promising alternative protein source for aquaculture feeds?” ad opera del gruppo di ricerca del Dip.to di Ittiologia e Biotecnologia in Acquacoltura, Istituto di Scienze Animali dell’Università di Varsavia (Szczepanski et al. Lupin: A promising alternative protein source for aquaculture feeds? Aquaculture Reports Volume 26, Ottobre 2022, 101281 https://doi.org/10.1016/j.aqrep.2022.101281).



37 visualizzazioni0 commenti