top of page

Pecora da latte di razza Sarda: possiamo prevedere con precisione le emissioni di metano?



Calcolare le emissioni di metano nei capi d'allevamento è essenziale per comprendere come ridurle o aggiustarle in chiave di ecosostenibilità. Mentre sono numerosi gli studi presenti sulle razze bovine, sono piuttosto esigue quando si parla dei capi ovini. È possibile poi prevedere le emissioni attraverso lo studio genetico e fenotipico e dei capi allevati? Questo studio si ripropone di fornire maggiori dati a supporto sulla prevedibilità di queste informazioni a partire dall'analisi non solo dei capi di pecora di Razza Sarda, ma anche del latte prodotto. Vediamolo nel dettaglio.


Le emissioni individuali di metano rappresentano un potenziale obiettivo di selezione per i piani di selezione volti a migliorare la sostenibilità dei sistemi di allevamento dei ruminanti. Tuttavia, una registrazione su larga scala delle singole emissioni di metano è ostacolata dai costi elevati delle apparecchiature e dalla logistica degli esperimenti. Sono state sviluppate equazioni per prevedere le emissioni di metano nei bovini da latte sulla base di variabili quali l’assunzione di sostanza secca (DMI), l’apporto energetico lordo, il peso corporeo e il profilo degli acidi grassi del latte (FA).


Al momento non sono disponibili equazioni per le pecore da latte. Gli obiettivi di questo studio erano:

(i) stimare la resa di metano enterico (eMY, espressa come g/kg di DMI) e l'intensità di metano enterico (eMI, espressa come g/kg di FPCM) delle pecore da latte utilizzando equazioni sviluppate per i prodotti da latte bovini che considerano come predittori gli AF del latte;

(ii) valutare l'effetto dello stadio di lattazione, della parità e del mese di parto su eMY ed eMI;

(iii) stimare l'ereditabilità di eMY ed eMI.


A questo scopo, 964 campioni individuali di latte di pecore da latte Sarda sono stati analizzati per la composizione del latte e il profilo FA. Nove diverse equazioni sono state utilizzate per prevedere eMY ed eMI. I valori di eMY variavano da 19,4 g/kg a 20,4 g/kg di DMI, mentre i valori di eMI variavano da 15,1 g/kg a 21,0 g/kg di DMI, rispettivamente. Lo stadio di lattazione era un fattore importante nella variabilità dell'eMY (p < 0,01). In effetti, questo tratto aumenta verso la fine della lattazione. Sia eMY che eMI erano correlati negativamente con la produzione di latte, la concentrazione di lattosio e di urea e positivamente correlati rispettivamente con la concentrazione di grasso e NaCl.



L'ereditabilità di eMI ed eMY stimata utilizzando un modello a tratto singolo era rispettivamente di 0,13 ± 0,05 e 0,05 ± 0,04. I valori di ereditarietà stimati per eMY utilizzando un modello bivariato variavano da 0,10 a 0,16 ed erano superiori al valore stimato per eMI. I risultati del presente studio, anche se basati su equazioni di previsione sviluppate per le vacche, hanno aumentato le conoscenze sul background fenotipico e genetico delle emissioni di metano nelle pecore da latte di razza Sarda.


Il metano rappresenta uno dei più importanti gas serra (GHG) che contribuiscono all’aumento del riscaldamento globale. La fermentazione enterica dei ruminanti contribuisce per circa un terzo all’emissione totale di origine antropica di questo gas (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e Citazione della Coalizione per il Clima e l’Aria Pulita 2021). Considerando il suo elevato forzante radiativo e la relativa breve vita nell’atmosfera, la riduzione delle emissioni di metano è considerata fondamentale per raggiungere gli obiettivi di stabilizzazione del clima dell’Accordo di Parigi e per contribuire a limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali. Per questi motivi, i sistemi di allevamento dei ruminanti sono sottoposti a una forte e crescente pressione da parte dell’opinione pubblica, e la riduzione della produzione di metano enterico è uno dei principali obiettivi delle pratiche di mitigazione dei gas serra per il settore dei ruminanti.


In questo scenario sono stati condotti numerosi studi sull’emissione enterica di metano, sul metabolismo, sulla biochimica, sulla microbiologia nonché sui fattori che influenzano la sua produzione, volti a sviluppare strategie per ridurre il suo contributo al riscaldamento globale. Tra le possibili strategie di mitigazione, i due approcci principali sono rappresentati dai cambiamenti nella dieta (es. uso di concentrati, oli, metaboliti vegetali secondari e additivi) e dalla manipolazione diretta dell’ecosistema ruminale (es. defaunazione, immunizzazione, utilizzo di acetogeni). La selezione per ridurre l’emissione individuale di metano potrebbe rappresentare un’opzione interessante, considerando le recenti evidenze relative alla certa ereditarietà dell’emissione di metano e la potenziale inclusione di questo tratto nei programmi di selezione genomica.



Tuttavia, la misura di questo fenotipo rappresenta il vincolo principale. La quantificazione delle emissioni di metano attraverso metodi diretti standard (ad esempio camere di respirazione, mangiatoie verdi) è costosa e richiede tempo e può essere applicata solo su misurazioni individuali su piccola scala. La quantificazione indiretta attraverso equazioni di previsione basate su proxy facili da registrare potrebbe aiutare a stimare questo fenotipo su scala di popolazione. Le equazioni sono state sviluppate sulla base di diverse variabili predittive, come l'assunzione di sostanza secca (DMI), l'assunzione e la digeribilità dei componenti della dieta, il rapporto foraggio/concentrato, l'apporto energetico lordo, il peso corporeo (BW), le informazioni sulle prestazioni degli animali (ad esempio, la produzione di latte , BW) e componenti di latte o carne.


Un indicatore promettente per la previsione della produzione di metano enterico nelle specie da latte è rappresentato dalla concentrazione di acidi grassi del latte (FA) perché condividono percorsi biologici con produzione di metano enterico. Le equazioni di previsione pubblicate basate sul profilo FA del latte riguardano quasi tutte i bovini da latte e sono state sviluppate per prevedere la resa di metano per unità di DMI (resa di metano enterico (eMY); g CH4/kg DMI) e l'intensità di metano per unità di grasso/proteine. latte corretto (intensità di metano enterico (eMI); g CH4/kg FPCM). Ad oggi, non è stata pubblicata alcuna equazione per prevedere la produzione di metano nelle pecore da latte in base al profilo degli acidi grassi del latte. Sebbene il contributo delle pecore al CH4 enterico globale rappresenti meno del 10% (FAOSTAT 2018), assume una maggiore rilevanza nelle aree in cui l’industria ovina rappresenta un settore importante dell’agricoltura (ad esempio paesi del Mediterraneo, Australia e Nuova Zelanda).



Gli obiettivi di questo studio erano:

(i) stimare il MY e il MI enterici delle pecore da latte utilizzando equazioni di previsione sviluppate per i bovini da latte;

(ii) studiare l'effetto della fase di lattazione, della parità e del mese di parto su MY e MI;

(iii) stimare l'ereditabilità di MY e MI; (iv) e studiare le correlazioni fenotipiche e genetiche con i tratti del latte.


I risultati del presente studio suggeriscono la possibilità di prevedere le emissioni individuali di metano nelle pecore da latte sulla base del profilo degli acidi grassi del latte. Anche se le equazioni considerate sono state sviluppate utilizzando dati bovini, le previsioni sia per l’intensità che per la resa di metano erano molto vicine ai valori riportati in letteratura per gli ovini, utilizzando misure dirette e indirette. La possibilità di utilizzare come predittori gli AF stimati dagli spettri MIR del latte consentirebbe di avere fenotipi individuali di emissione di metano disponibili anche a scala di popolazione.


Inoltre, è stato studiato il background fenotipico e genetico delle emissioni di metano nelle pecore da latte di razza Sarda. Il valore non trascurabile dell'ereditabilità e le correlazioni genetiche positive della resa in metano con gli acidi grassi del latte di interesse nutrizionale suggeriscono di considerare l'inclusione di questo fenotipo come obiettivo genetico nel programma genetico della razza. Considerando l’importanza della razza Sarda, che rappresenta circa il 65% del totale del patrimonio ovino da latte italiano e contribuisce a oltre l’80% del latte ovino prodotto in Italia, la possibilità di selezione per una ridotta emissione di metano rappresenterebbe un’importante strategia di mitigazione dell’impatto ambientale della filiera ovina da latte italiana.

71 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page