top of page

Quali sono i benefici dell'integrazione di Olio di Incenso sulle prestazioni dei polli da carne?


Il benessere degli animali da allevamento è sotto costante analisi da parte dei ricercatori, i quali effettuano analisi sulla filiera dal principio fino alla lavorazione. Una ricerca pubblicata di recente sull'Animal Journal of Animal Sciences ha analizzato gli effetti che l'integrazione dell'olio di incenso sulla dieta dei polli da carne può avere sull'istomorfologia epatica, sull'attività antiossidante, sui parametri biochimici del sangue e sulle risposte infiammatorie. Vediamolo nel dettaglio.


In assenza di antibiotici per promuovere la crescita degli animali, gli immunomodulatori nutrizionali rappresentano importanti alternative che possono migliorare la produttività degli animali d’allevamento e la salute del sistema immunitario. Nell'allevamento di pollame, è in corso l'esplorazione di nuovi programmi di alimentazione volti a migliorare i livelli di produzione garantendo al tempo stesso il benessere del pollame durante tutto il periodo di alimentazione.


Man mano che i clienti diventano sempre più informati sui vantaggi derivanti dall’utilizzo di ingredienti naturali per mangimi, i nutrizionisti sono alla ricerca di fitonutrienti per sostituire quelli sintetici. Queste sostanze fitochimiche offrono vantaggi significativi, tra cui una riduzione dell’incidenza delle malattie metaboliche, una maggiore stabilità della carne durante la conservazione e miglioramenti nella sicurezza e qualità alimentare.


La Boswellia è una sostanza aromatica derivata dalla resina dei tronchi degli alberi appartenenti al genere Boswellia (famiglia delle Burseraceae). È conosciuto anche con vari altri nomi, tra cui incenso, olibano, salai guggul, loban e kundur. La resina Boswellia serrata (BS) è tra gli integratori alimentari approvati raccomandati per l'inclusione nella produzione di polli da carne ai sensi del quadro normativo (CE) n. 1831/2003, come elencato nella registrazione dell'Unione Europea degli additivi per mangimi.


L'olio (60%) è il componente più importante della resina di incenso. Ad esempio, Hosny et al. hanno riferito che l'olio di incenso (FKO) comprende carvone (2,96%), ottanolo (10,1%), timolo (16,69%) e ottile acetato (67,44%). Wang et al. hanno riportato p-cimene (8,7%), ottanolo (12,7%) e ottil acetato (60,0%). Inoltre, Mohamed et al. hanno dimostrato che i componenti principali erano verticiolo (14,48%), seguito da isobutilciclopentano (12,25%), n-ottil acetato (9,20%) e 9-oxabiciclo-[6.1.0]-non-3-ino (9,12 %). Le proprietà chimiche e la resa variano in base a variabili quali l'area geografica dell'albero, la superficie del legno, la stagione di raccolta, la procedura di raccolta, il livello di maturità dell'albero e la mobilizzazione.


Le proprietà antibatteriche e antifungine dell'FKO sono state documentate in studi precedenti. Questi studi si sono concentrati principalmente sull’attività antinfiammatoria, immunomodulante e anti-leucotriene della resina, in particolare sul suo componente principale, i derivati dell’acido boswellico.


L'incenso esercita i suoi effetti modulando le cellule immunitarie derivate dal sistema immunitario innato e acquisito ostacolando la formazione di leucotrieni, cicloossigenasi e lipossigenasi e la generazione di specie reattive dell'ossigeno. La ricerca clinica ha dimostrato che l’incenso e le sue sostanze fitochimiche possono aiutare a curare l’osteoporosi, la sclerosi multipla e l’asma. Inoltre, l’incenso ha dimostrato efficacia nella gestione dell’edema associato a un tumore al cervello, portando a significative implicazioni terapeutiche.



I fornitori di alimenti di origine animale sono sempre più attratti dall’incenso come integratore a base di erbe per massimizzare la produzione e promuovere la salute del bestiame fornendo loro una dieta nutriente. Uno studio precedente ha dimostrato le proprietà antiossidanti degli estratti di gommoresina BS. Pandey et al. hanno scoperto che gli estratti di gommoresina BS riducevano il colesterolo sierico totale (TC) aumentando al tempo stesso il colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C) nei ratti.


Tuttavia, esiste una ricerca limitata focalizzata sulla potenziale applicazione dell’FKO nella produzione di pollame. L’attuale studio mira a studiare gli effetti dell’FKO, un antiossidante naturale nelle diete dei polli da carne, sulle prestazioni di crescita, sulla biochimica del sangue, sull’istoarchitettura del fegato e sull’espressione immunitaria del fattore di crescita trasformante beta (TGF-β) nel fegato e nella milza dei polli da carne.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto dello studio pubblicato sull'Italian Journal of Animal Sciences dal titolo originale "Evaluation of dietary supplementation of frankincense oil on broiler chicken growth performance, hepatic histomorphology, antioxidant activity, blood biochemical parameters, and inflammatory responses" e consultabile al seguente link:



18 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page