top of page

Benessere dei cani e gatti durante il trasporto in Europa: rivediamo la letteratura


L'industria degli animali da compagnia quali cani e gatti è in costante crescita su diversi fronti: dalle adozioni, agli acquisti degli animali di razza fino agli alimenti e oggettistica a loro destinati, oltre ai farmaci specifici. Data l'importanza che questo settore sta acquisendo nell'economia Italiana ed Europea, è importante tutelare anche il loro benessere dentro le mura domestiche e nelle fasi di trasporto. Vediamo quindi una revisione della letteratura pubblicata fino ad ora che si occupa del tema e presentata in occasione del 25° Congresso ASPA.


L'industria degli animali domestici sta crescendo in tutto il mondo. In Europa, è stato stimato che nel 2020 ci fossero 89,8 milioni di cani e 110 milioni di gatti. La custodia, l'allevamento e il commercio di animali domestici rappresentano un'importante attività economica con un valore annuo delle vendite di cani e gatti nell'Unione europea (UE) stimato in 1,3 miliardi di euro e generando occupazione diretta di 100.000 persone.


È stato inoltre calcolato che gli alimenti e la cura degli animali domestici (ad es. prodotti per la toilette, collari, giocattoli) hanno rappresentato nel 2015 22 miliardi di euro e ulteriori 2,1 miliardi di euro per i prodotti per la salute degli animali domestici. Questo reddito elevato può essere correlato al fatto che cani e gatti sono le specie da compagnia più popolari nell'UE, dove sono spesso considerati membri della famiglia.


Dato il loro ruolo importante all'interno delle famiglie, la preoccupazione della società per il loro benessere è alta. Secondo l'OIE, per benessere animale si intende lo stato fisico e psichico di un animale in relazione alle condizioni in cui vive e muore, e per animali in buono stato di benessere si intendono quelli sani, a proprio agio, ben nutriti, sicuri e in grado di esprimere il loro comportamento naturale, non soffrendo dolore, paura e angoscia.


Il trasporto è un evento stressante per tutte le specie animali, inclusi cani e gatti, in quanto rappresenta una varietà di stimoli che interrompono l'omeostasi e il metabolismo negli animali e ne influenzano lo stato fisiologico ed emotivo. In alcuni casi, questi stimoli possono rappresentare una grave minaccia per il benessere e la salute degli animali, a causa dello spazio limitato, dei periodi di digiuno prolungati e dei contenitori mal costruiti.


Il benessere degli animali durante il trasporto all'interno dell'UE è disciplinato dal Regolamento (CE) n. 1/2005, che detta i requisiti che devono essere soddisfatti durante il trasporto commerciale di tutti gli animali. Tuttavia, la legislazione mostra pochissimi riferimenti a cani e gatti. Data la mancanza di indicazioni scientifiche, il proprietario dell'animale domestico è responsabile di garantirne personalmente la salute e l'idoneità al trasporto e deve disporre della documentazione corretta.


Mezzi di trasporto corretti, pratiche di viaggio e considerazione delle caratteristiche etologiche delle specie sono fondamentali per proteggere gli animali. Le cattive condizioni di allevamento, come la separazione precoce dalla madre, l'isolamento e la privazione degli stimoli ambientali e la cattiva esperienza di trasporto nella prima fase della vita possono influenzare la corretta socializzazione di cani e gatti, causando successivi problemi comportamentali. Quest'ultimo causerà grave ansia e sofferenza che possono portare ad abbaiare insistente, sovraeccitazione, fobia e vomito a casa o durante il trasporto e questo si rifletterà sulla famiglia adottiva.


Ad oggi, sono disponibili molte meno informazioni sugli effetti delle condizioni di trasporto sul benessere di cani e gatti che su molte altre specie domestiche, in particolare gli animali da allevamento. Inoltre, molte delle informazioni disponibili sono sotto forma di raccomandazioni basate sull'esperienza pratica, piuttosto che su esperimenti controllati.


Questo studio ha passato in rassegna criticamente i pochi studi scientifici che documentano gli effetti del trasporto sulla salute e sul benessere di cani e gatti e riassume le attuali normative e linee guida europee, evidenziando se tali leggi si basano o meno su prove scientifiche. Vengono inoltre evidenziate le attuali lacune di conoscenza e proposti possibili studi. La presente rassegna narrativa è stata redatta utilizzando studi (i) individuati dagli autori in base alle loro conoscenze su quest'area tematica; (ii) utilizzando "forward citation chasing" inserendo le parole chiave "viaggio", "trasporto", "trasporto" insieme alle parole "cane" e/o "gatto" nel motore di ricerca web "Google Scholar" e nel database Medline; (iii) utilizzando la ricerca delle citazioni all'indietro analizzando la bibliografia dei riferimenti trovati.


Cenni storici

Gli animali hanno un'importanza crescente all'interno dell'ecosistema globale e sono oggetto di attenzione per molte ragioni: sociali, culturali, economiche ed emotive. La produzione di cibo, tessuti e compagnia sono tra i motivi principali dell'interesse umano per le diverse specie animali. Più di recente, anche gli animali hanno assunto un ruolo importante nello sport, nel tempo libero e nella ricerca scientifica.


Gli animali vengono trasportati tra le nazioni per tutti questi motivi e la traslocazione coinvolta è una parte significativa del commercio globale e degli scambi culturali. Il trasporto di animali in passato è stato riportato in molti documenti ma riguardava principalmente animali di grossa taglia o da circo, mentre poco si sa del trasporto di cani o gatti da parte di gente comune.



Nonostante le poche fonti storiografiche, sappiamo con certezza che cani e gatti hanno sempre seguito l'uomo durante le migrazioni, e i viaggi. I gatti, ad esempio, venivano schierati sulle navi mercantili nel Medioevo per tenere i topi lontani dalle merci trasportate. La loro presenza sulle navi mercantili era di tale importanza che avere gatti a bordo era raccomandato, se non prescritto, nei contratti di assicurazione delle merci. Uno dei marinai aveva il compito di prendersi cura dei gatti a bordo, assicurandosi che non si ammalassero durante il viaggio. Inoltre i gatti furono introdotti a Venezia per la prima volta dalle isole dalmate e poi arrivarono in gran quantità dalla Siria quando la peste si diffuse a Venezia.


Nel Settecento e nell'Ottocento gli animali accompagnavano spesso i proprietari a mercati, fiere o mattatoi, anche su lunghe distanze. Questo è stato il caso di animali di grossa taglia come bovini o cavalli, ma anche pecore, capre e tacchini ma non è da escludere che anche gli animali domestici abbiano partecipato a quei viaggi. Nel ventesimo secolo nuovi mezzi di trasporto, come il trasporto aereo, si sono rivelati significativamente più convenienti per gli animali.


Gli stretti legami commerciali e culturali tra le nazioni e le forti relazioni che possono essere create tra persone e animali rendono probabile che il trasporto internazionale di animali continuerà, e dovrebbe aumentare con la crescente mobilità internazionale delle persone. Di conseguenza, sarà necessario evolvere e migliorare le forme di trasporto. L'esperienza mondiale per un lungo periodo dimostra che gli animali possono viaggiare da un paese all'altro con moderni mezzi di trasporto senza soffrire. Tuttavia, tutte le modalità di trasporto internazionale sono potenzialmente pericolose e possono essere associate a malattie, stress e sofferenze.


Prospettive future e presenti

Il trasporto di piccoli animali per via aerea è diventato popolare negli ultimi 20 anni e ora circa 20.000 cani e gatti lasciano il Regno Unito ogni anno in aereo. Tuttavia, il trasporto aereo richiede informazioni e documenti aggiuntivi e i proprietari sono spesso preoccupati per la sicurezza e il benessere dei loro animali domestici durante il volo.


Ad esempio, una delle principali compagnie di trasporto di animali da compagnia nell'UE ha trovato i proprietari riluttanti a far volare i loro cani e gatti perché temono una mancanza di controllo sanitario da parte delle autorità competenti sugli animali che viaggiano nelle stive degli aerei con bagaglio in eccesso. Per rispondere alle preoccupazioni dei proprietari, sono in fase di sviluppo sistemi innovativi per offrire il monitoraggio in tempo reale dello stato degli animali domestici durante il trasporto.


Tuttavia, sono necessari ulteriori studi sugli effetti del trasporto aereo sulla salute e sul benessere degli animali domestici. Poiché la pianificazione di un viaggio aereo rimane ancora sotto il concetto di proprietà responsabile, i proprietari di animali domestici dovrebbero essere istruiti sulle migliori pratiche di trasporto.


Conclusioni

Questo lavoro si è concentrato sul trasporto di cani e gatti con particolare attenzione al loro benessere. Ad oggi cani e gatti possono affrontare viaggi prolungati per spostamenti con le proprie famiglie, per attività sportive, commercio o adozione, e altri fini commerciali. È quindi necessario che questi viaggi siano condotti rigorosamente seguendo le migliori pratiche basate sull'evidenza.


Per salvaguardare il benessere dei nostri animali domestici durante il trasporto, è fondamentale ridurre al minimo lo stress da trasporto. Dalla letteratura sembra indispensabile abituare gli animali ai trasportini e al viaggio: inoltre si raccomanda vivamente l'addestramento al carico e al trasporto con rinforzo positivo.


Tuttavia, poiché sono stati condotti pochi studi, l'attuale legislazione relativa alle dimensioni dei contenitori, alla durata del trasporto e alla fornitura di mangime e acqua non è basata su prove scientifiche e potrebbe richiedere un perfezionamento. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno le relazioni tra lo stress da trasporto, le risposte psicologiche e fisiologiche e il rischio di problemi comportamentali legati al trasporto negli animali da compagnia.


Ad ultimo, va sottolineato che lo stress da trasporto è causato da un mosaico di fattori di stress e il benessere degli animali domestici in viaggio può essere migliorato al meglio solo attraverso un approccio multifattoriale.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "The welfare of dogs and cats during transport in Europe: a literature review", e consultabile qui integralmente:

18 visualizzazioni0 commenti
bottom of page