top of page

Cammello delle Canarie: portata della specie e opportunità di selezione


I Cammelli hanno recentemente suscitato l'interesse di molti studiosi zootecnici. Risultano essere ancora pochi gli studi che permettono una completa comprensione del loro patrimonio genetico e delle opportunità di selezione; prima trascurati, ora questi animali stanno venendo rivalutati, sia per interessanti aspetti socio-economici che ambientali. Alcuni studiosi hanno effettuato il primo studio genotipico, fenotipico ed etnografico del Cammello delle Canarie, unico camelide europeo, dichiarato a rischio di estinzione nel 2012.  Di seguito l'approfondimento.


La biodiversità del bestiame deriva dal complesso processo evolutivo degli animali domestici in scenari influenzati dall'uomo con condizioni di allevamento e ambientali diverse. La selezione direzionale e i meccanismi naturali responsabili della dinamica del cambiamento genetico nelle popolazioni vive (mutazione, deriva genetica, flusso genico e selezione naturale) guidano la divergenza biologica tra le risorse animali da allevamento.


Una comprensione completa del patrimonio genetico di una particolare popolazione, razza o varietà è di primario interesse per i proprietari e le parti interessate. Questa conoscenza non solo getta luce sull'impatto del background storico di tale aggruppamento animale sul suo stato attuale e sulla sua funzionalità, ma valuta anche le possibili strade funzionali. Per raggiungere questo obiettivo è necessario confrontare la popolazione studiata con i vicini filogenetici simili e stimare la variazione genetica esistente per valutare il potenziale di adattamento a problemi impegnativi.


La caratterizzazione zoometrica esplora specificamente la morfometria distintiva di un particolare gruppo di animali in riferimento alla loro funzionalità. Le caratteristiche morfologiche del corpo, allegate a registrazioni formali delle prestazioni funzionali, del sesso e dei dettagli faneroptici (ad esempio, il colore e le particolarità del mantello), vengono utilizzate per calcolare la variabilità correlata ai fattori. Questa variabilità guida la definizione e l'applicazione adattata dei criteri di selezione. Inoltre, quando sono disponibili documenti genealogici, è possibile stimare le componenti di ereditabilità per i tratti di interesse . La zoometria, come metodo, svolge un ruolo cruciale nelle decisioni relative all'allevamento degli animali a fini di miglioramento, utilizzo e conservazione.


Tra le specie zootecniche, i cammelli sono notevolmente trascurati nella caratterizzazione delle razze basata sulla valutazione morfometrica, nonostante la consolidata correlazione tra morfologia corporea e funzione produttiva. La letteratura sulla variabilità fenotipica e genotipica nelle specie di cammello per i tratti morfometrici è significativamente meno ampia rispetto ad altri animali da reddito. Tuttavia, vi è una tendenza positiva nella demografia e nella distribuzione geografica dei cammelli, accompagnata da un crescente interesse socio-economico per la loro produzione come specie sostenibile.


In questa situazione, lo studio della variabilità morfometrica e fenotipica esistente nei cammelli diventa un prerequisito fondamentale per valutare le variazioni all'interno e tra le popolazioni. Ciò è essenziale per la conservazione della biodiversità del cammello in tutto il mondo attraverso una selezione efficace per i tratti specializzati e la rivalorizzazione delle risorse a rischio. Inoltre, quando gli strumenti molecolari non sono accessibili, la caratterizzazione morfologica attraverso l'analisi discriminante rappresenta l'opzione alternativa più affidabile.


Il Cammello delle Canarie (Camelus dromedarius), una razza locale diffusa principalmente nelle Isole Canarie (Spagna) e l'unica razza di cammello in Europa, è attualmente minacciato. Fin dal suo arrivo nell'arcipelago, intorno al 1405, dalla più vicina costa africana, i dromedari locali sono stati sottoposti a una selezione antropica per le attività di lavoro rurale e di carico di lavoro. Successivamente, questi animali sono passati ad attività ricreative nell'ambito dell'industria del turismo, rappresentando la principale fonte di reddito per la razza e garantendone la sopravvivenza fino ai giorni nostri. Isolato riproduttivamente da altre popolazioni di cammelli a causa di una legislazione ufficiale basata sulla salute, questo patrimonio genetico locale di cammelli si è discostato da quello dei suoi parenti nordafricani.


Gli autori hanno effettuato il primo studio genotipico, fenotipico ed etnografico di questa popolazione animale, che ha portato alla dichiarazione ufficiale del Cammello delle Canarie come razza singolare e a dichiararlo a rischio di estinzione nel 2012. Caratteristiche fisiche distintive, come il maggiore sviluppo muscolare dei quarti anteriori e posteriori e la profondità del torace, differenziano la razza del Cammello delle Canarie dai dromedari nordafricani.


Queste caratteristiche sono state fondamentali per proporre lo standard iniziale della razza all'interno del programma di allevamento ufficiale. Tuttavia, non esiste una caratterizzazione morfometrica che valuti la distribuzione della variabilità fenotipica o la suddivisione tra le diverse popolazioni della razza. Di conseguenza, l'identificazione di gruppi genetici che agiscono come serbatoi di variabilità genetica rimane inesplorata.



La presente ricerca mira a condurre una caratterizzazione morfologica estesa dei Cammelli delle Canarie. Ciò comporta l'utilizzo dell'analisi discriminante canonica per:


  1. esplorare la diversità fenotipica e la struttura della razza;

  2. valutare il profilo fenotipico di questa risorsa genetica autoctona, a sostegno della sua differenziazione da altre razze di cammelli.


I risultati, tra cui la migliore definizione dei tratti conformazionali standard della razza e la comprensione della sua variabilità fenotipica, contribuiranno all'adattamento delle strategie di allevamento con particolare attenzione alla conservazione sostenibile e al miglioramento genetico.


Conclusioni e opportunità future


Nonostante la bassa selezione direzionale e la limitata gestione del pedigree nei dromedari delle Canarie, è stata osservata una significativa diversificazione fenotipica per i tratti zoometrici tra le sottopopolazioni di questa razza di cammelli e all'interno di esse. Esisteva anche una leggera introgressione genetica tra le sottopopolazioni, probabilmente influenzata dal flusso genico derivante dall'esportazione di animali dalle Isole Canarie alla Spagna continentale.


Il sesso e lo stato fisiologico hanno avuto un impatto significativo sui tratti zoometrici, con le femmine e gli animali castrati che hanno mostrato le differenze più pronunciate all'interno del gruppo nella morfometria del corpo. Il dimorfismo sessuale della zoometria in questa razza di cammelli può essere attribuito sia agli effetti ormonali sia alla selezione basata sul sesso che favorisce una maggiore forza fisica nei maschi.

I cammelli maschi presentano una testa più grande, cuscinetti di grasso frontali divisi, un torso anteriore più spesso, una gobba più grande, estremità più spesse e forti e un'altezza al garrese leggermente inferiore rispetto alle loro controparti. Inoltre, l'epistasi genica può essere dedotta dalla variazione significativa dei tratti della morfologia corporea tra i diversi fenotipi di colore del mantello.


Il continuo scambio di animali tra ambienti produttivi deve essere controllato in modo esaustivo per prevenire un ulteriore aumento dell'introgressione. Pertanto, per garantire che i tassi di variazione fenotipica per i tratti morfologici ed ecologici chiave all'interno e tra le sottopopolazioni rimangano sufficientemente elevati da garantire un adattamento locale di successo a particolari condizioni climatiche e/o orografiche,


Inoltre, una meta-analisi che calcola il CV per i tratti morfologici del corpo valutati in diverse popolazioni di cammelli fornirà informazioni preziose per i ricercatori e gli allevatori sull'entità dell'eterogeneità di tali caratteristiche all'interno e tra le popolazioni di cammelli. Pertanto, metterà in luce le opportunità per la conservazione e il miglioramento genetico della biodiversità globale del cammello.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Evidence of subpopulation diversification and traces of introgression within Canarian camel breed zoometric standard: scope and opportunities for selection" presente sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link:

32 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page