top of page

Farina di larve di mosca soldato nera: quali sono gli effetti sulle prestazioni dei polli da carne?


La sostenibilità e costi dell'alimentazione degli animali da carne è oggetto di costante ricerca nel mondo scientifico, per assicurare non solo un benessere animale, ma anche una migliore produzioni in termini economici. Un nuovo studio vuole mostrare i risultati delle analisi sulla farina di larve essiccate della mosca soldato nera e paragonarli a quelli dei mangimi più tradizionali per comprendere se una sostituzione sarebbe possibile in futuro. Vediamolo nel dettaglio.


La maggior parte della produzione di carne di pollame (92%) proviene da allevamenti di polli da carne specializzati in cui vengono alimentate diete ad alto contenuto energetico e proteico basate principalmente (>75% degli ingredienti totali) su cereali e panelli di semi oleosi per promuovere una rapida crescita in un breve periodo di tempo. Questo sistema di alimentazione non solo compete direttamente per le colture commestibili umane, ma potrebbe anche avere un impatto ambientale negativo, quindi dovrebbe essere rivisto con l'obiettivo di raggiungere sistemi alimentari sostenibili in futuro.


In questo contesto, la sostituzione delle fonti proteiche tradizionali con gli insetti potrebbe essere di grande aiuto per ottenere sistemi di produzione di polli da carne più sostenibili, senza aumentare o addirittura ridurre i costi dei mangimi, a condizione di un approvvigionamento adeguato ed economico è disponibile da impianti di produzione su larga scala ben organizzati.


La farina di larve essiccate di mosca soldato nera (BSFLM) è una delle alternative più promettenti e studiate per fornire una fonte proteica sostenibile nelle diete avicole. Il BSFLM ha un contenuto di proteine grezze più elevato rispetto alla farina di soia e ad altre fonti proteiche vegetali comuni e contiene quantità comparabili della maggior parte degli aminoacidi essenziali.


La sostituzione della farina di soia e/o della farina di pesce con BSFLM in base alle proteine o al peso nelle diete per polli da carne è stata ampiamente studiata negli ultimi anni. Il BSFLM intero, parzialmente sgrassato o altamente sgrassato è stato incluso nelle diete dei polli da carne a concentrazioni comprese tra il 2 e il 40% e 4,1 e 15%, rispettivamente. Il livello di inclusione è stato mantenuto costante o è stato ridotto durante le fasi successive del ciclo di ingrasso.


Le risposte osservate sembrano dipendere dalla quantità di BSFLM inclusa nella dieta, con risultati peggiori riportati generalmente a livelli superiori al 10%, sebbene in molti casi le risposte al di sopra e al di sotto di questo soglia non sono coerenti con nessuna modifica, riduzione o aumento di uno o più parametri di prestazione a tassi di integrazione simili. Gli effetti negativi riscontrati sono stati attribuiti a una minore digeribilità delle proteine grezze (CP) dovuta alla chitina nella BSFLM e ai cambiamenti nella morfologia intestinale.


Ancora una volta, le revisioni pubblicate sull'uso di BSFLM nelle diete avicole riassumono la letteratura scientifica in un approccio descrittivo e qualitativo. Tuttavia, i risultati contraddittori in letteratura potrebbero essere chiariti sottoponendo alla meta-analisi i risultati pubblicati sull'inclusione di BSFLM nelle diete dei polli da carne.


Per quanto ne sappiamo, ad eccezione del lavoro di Dabbou et al., gli articoli pubblicati su BSFLM nelle diete per polli da carne non menzionano come il valore energetico metabolizzabile del BSFLM analizzato sia stato derivato per formulare le diete sperimentali. Gli studi sulla digeribilità sono il gold standard per determinare il contenuto energetico metabolizzabile dei mangimi per pollame e dei mangimi, ma richiedono tempo, lavoro e sono costosi; quindi, sono stati compiuti diversi sforzi per sviluppare equazioni di previsione empiriche basate su modelli di regressione.


Nell'ultimo decennio, i modelli basati su reti neurali si sono uniti ai classici modelli di regressione. Lo sviluppo di modelli di regressione o di rete neurale per la previsione del valore energetico metabolizzabile dei lotti di BSFLM dalla loro composizione chimica misurata potrebbe essere utile nella formulazione del mangime per polli da carne.

L'obiettivo del presente lavoro era duplice. In primo luogo, determinare mediante meta-analisi gli effetti dell'inclusione di BSFLM nella dieta sulla performance di crescita dei broiler. In secondo luogo, sviluppare modelli di previsione del valore energetico metabolizzabile di BSFLM.


Sulla base dei risultati del presente studio, non si prevede che l'alimentazione di polli da carne con diete contenenti il 15% di BSFLM abbia effetti negativi sulla performance di crescita, a condizione che il contenuto di AMEn e l'apporto di aminoacidi di tali diete non differiscano da quelli basati su fonti proteiche convenzionali. Fino a quando non saranno disponibili ulteriori risultati sperimentali sull'energia metabolizzabile di BSFLM per sviluppare migliori modelli di previsione, il modello di regressione ottenuto nel presente lavoro potrebbe essere utile per la stima del suo valore AMEn durante la formulazione di diete per broiler.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto della pubblicazione "Meta-analysis of the effect of black soldier fly larvae meal in diet on broiler performance and prediction of its metabolisable energy value" consultabile sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile integralmente al seguente link:

189 visualizzazioni0 commenti
bottom of page