top of page

Periodo di transizione: qual é la risposta delle vacche da latte? Un nuovo studio mostra i risultati


Il periodo di transizione è piuttosto delicato per le vacche da latte, e di recente è entrato sempre di più all'interno del dibattito scientifico e della ricerca. I motivi? L'influenza che questo può avere sulla resa dell'animale è tale da renderlo un fattore chiave da analizzare per renderlo quanto meno stressante per l'animale. Vediamo nel dettaglio il nuovo studio.


L'adattamento fisiologico delle vacche da latte alle sfide del periodo di transizione è diventato un argomento ampiamente dibattuto negli ultimi decenni. In questo contesto, è stato recentemente riconosciuto il ruolo centrale svolto dal sistema immunitario nell'influenzare il successo di tale adattamento.


La risposta di fase acuta è stata documentata come una condizione fisiologica nelle vacche da latte durante il periodo di transizione, sebbene l'entità e la durata di questo processo varino notevolmente tra gli individui, influenzando profondamente le prestazioni alla inizio della lattazione. Durante la fase acuta, il fegato sintetizza proteine positive della fase acuta (APP; cioè aptoglobina e ceruloplasmina), diminuendo la produzione di altre proteine chiamate APP negative (cioè albumina, lipoproteine, proteina legante il retinolo e paraoxonasi).


La maggior parte della ricerca che esplora questo argomento si concentra sull'Holstein Friesian come modello per la moderna vacca ad alto rendimento. Nonostante ciò, gli allevatori da latte di tutto il mondo gestiscono varie razze selezionate per massimizzare i diversi tratti produttivi o adattate per affrontare le diverse condizioni ambientali. condizioni.


Oltre alla Holstein (HOL), la Brown Swiss (BRO) e la Simmental (SIM) sono tra le razze da latte cosmopolite più diffuse, allevate in particolare rispettivamente per le caratteristiche della composizione del latte e per l'aumento muscolare. La letteratura documenta una grande variabilità tra queste razze nella loro risposta adattativa agli stress ambientali, prestazioni riproduttive, efficienza alimentare, metabolismo e composizione del latte.


Al contrario, poco si sa sul sistema immunitario delle diverse razze e i risultati esistenti sono stati per lo più ottenuti attraverso approcci ex-vivo. Secondo Lacetera et al., le cellule mononucleari del sangue periferico BRO sono meno tolleranti all'esposizione cronica al calore rispetto a quelle di HOL, suggerendo un diverso declino delle funzioni immunitarie tra queste due razze quando esposte a temperature elevate. Rispetto alle HOL, le vacche BRO hanno una maggiore resistenza alle infezioni batteriche e i loro macrofagi producono più specie reattive dell'ossigeno e meno interleuchina (IL)-1β in seguito alla stimolazione con lipopolisaccaridi batterici (LPS).


Per quanto ne sappiamo, mancano studi che confrontino le risposte metaboliche adattative di diverse razze da latte al parto. Abbiamo ipotizzato che le razze da latte potessero avere un diverso profilo ematochimico durante il periodo di transizione, probabilmente guidato dai diversi obiettivi di allevamento e produzione di latte tra di loro. Pertanto, questo studio osservazionale mirava a esplorare gli adattamenti metabolici e infiammatori durante il periodo di transizione nelle vacche da latte HOL, BRO e SIM gestite in modo identico.


Questo studio suggerisce che le tre razze esplorate hanno diversi adattamenti allo stato infiammatorio sistemico che si verifica all'inizio della lattazione. La risposta di fase acuta osservata nelle vacche SIM è stata mitigata dal loro carico metabolico inferiore (una conseguenza della loro minore produzione di latte). Inoltre, le vacche HOL producevano più latte e facevano affidamento sull'attivazione più efficiente del sistema immunitario, con conseguente risoluzione più rapida della risposta della fase acuta.



I risultati

Le vacche BRO hanno mantenuto condizioni infiammatorie sistemiche più a lungo rispetto alle altre razze, ma sono stati rilevati effetti trascurabili sulle loro prestazioni generali, suggerendo che questa razza potrebbe avere la maggiore capacità di far fronte agli spostamenti metabolici guidati dalla fase acuta.


Ipotizziamo che la funzione del sistema immunitario delle tre razze esplorate possa essere stata influenzata dalle procedure di selezione volte a massimizzare i diversi tratti produttivi, forse spiegando i diversi adattamenti metabolici al periodo di transizione qui individuati. Tuttavia, questi devono essere considerati risultati preliminari a causa delle limitazioni rappresentate dalle strutture in cui è stato condotto questo studio e dalla dimensione limitata del campione. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire completamente le strategie adattative adottate dalle diverse razze da latte per far fronte ai drammatici cambiamenti che si verificano all'inizio della lattazione.


 

Fonti:

L'articolo è un estratto della pubblicazione intitolata Metabolic and inflammatory responses reveal different adaptation to the transition period challenges in Holstein, Brown Swiss, and Simmental dairy cows e consultabile presso l'Italian Journal of Animal Sciences al seguente link:

48 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page