top of page

Uova di Temolo: composizione biochimica comparativa tra quelle di origine selvatica e di allevamento


Per garantire la salvaguardia, riproduzione e salute delle specie animali, ed in particolare dei pesci, è essenziale analizzare vari fattori, tra cui quello della qualità delle uova e delle larve. Questo primo studio comparativo vuole analizzare le prestazioni delle diverse tipologie di uova del temolo, Thymallus Thymallus, sia in cattività che di allevamento. Vediamolo nel dettaglio.


Il successo della riproduzione, la produzione di larve di pesci e la loro successiva crescita, sviluppo e salute sono requisiti fondamentali per un prospero allevamento di pesci, sia per l'allevamento per il consumo umano che per le intenzioni di reintroduzione e conservazione. Ciò dipende dalla qualità delle uova e si basa su pratiche ottimali di gestione degli stock riproduttivi, compresa la conoscenza delle esigenze nutrizionali e ambientali delle singole specie ittiche.


La qualità delle uova è determinata dai nutrienti forniti dalla femmina, pertanto è di fondamentale importanza che la nutrizione dei riproduttori sia ottimizzata. Tuttavia, per alcune specie, tra cui il temolo, Thymallus Thymallus, la conoscenza sui bisogni nutrizionali e sull'importanza della nutrizione dei riproduttori per le prestazioni riproduttive e la qualità delle uova e delle larve, è molto limitata, il che potrebbe comportare una bassa prestazione riproduttiva del temolo allevato.


Il sacco vitellino delle uova di pesce contiene tutti i nutrienti e gli altri componenti necessari per il normale sviluppo embrionale e larvale iniziale. Le riserve energetiche del sacco vitellino sono particolarmente importanti nei Salmonidi, poiché il loro sviluppo dipende dalle riserve del sacco vitellino non solo durante gli stadi embrionali ma anche per molti giorni dopo la schiusa. Durante queste fasi, i componenti dell'uovo di derivazione materna sono l'unica fonte di energia e nutrienti per il metabolismo, lo sviluppo e la crescita.


Studi recenti hanno dimostrato che la composizione di queste risorse nutrizionali endogene dipende, tra altri fattori intrinseci ed estrinseci, dalla dieta e dallo stile di vita dei genitori (ad esempio in natura o in incubatoio) e questo potrebbe influenzare la qualità delle uova , tasso di schiusa, sopravvivenza degli embrioni e loro corretto sviluppo in più specie di pesci. Questi nutrienti di derivazione materna sono costituiti da proteine, carboidrati, lipidi, vitamine, minerali, ioni, trascrizioni di RNA materno e microRNA. La composizione biochimica delle uova di pesce è quindi uno dei criteri principali per determinare la qualità delle uova e può avere un impatto decisivo sul successo della schiusa e sui primi anni di vita di molte specie ittiche, compresi i salmonidi.


I lipidi sono, insieme alle proteine, un componente importante del tuorlo d'uovo e sono una fonte di energia e componenti strutturali delle membrane cellulari, micronutrienti e molecole di segnalazione per lo sviluppo di embrioni e larve. Il contenuto lipidico grezzo delle uova di pesce d'acqua dolce varia dal 2,5% al 10% del peso umido dell'uovo. I salmonidi appartengono al gruppo ad alto contenuto lipidico con livelli lipidici intorno al 10%. Gli acidi grassi (FA) sono elementi costitutivi integrali dei lipidi e sono riconosciuti come molecole importanti che regolano diversi processi della prima infanzia.


Vale a dire, gli FA, in particolare gli acidi grassi essenziali (EFA), in particolare gli FA polinsaturi (PUFA), sono importanti componenti strutturali, fungono da riserve di nutrienti, sono precursori degli eicosanoidi e hanno dimostrato di influenzare la fecondità, la qualità delle uova, il successo della schiusa e malformazioni larvali in numerose specie di pesci, compresi i Salmonidi. Non sono solo le quantità di FA ma, cosa ancora più importante, il rapporto ottimale tra loro nelle uova di pesce che influenza lo sviluppo embrionale precoce e la sopravvivenza.



In particolare, l'acido docosaesaenoico (C22:6 n-3, DHA) ha importanti ruoli strutturali e funzionali nelle membrane neurali, mentre l'acido eicosapentaenoico (C20:5 n-3, EPA) e l'acido arachidonico (C20:4 n-6, ARA) hanno ruoli unici nel controllo e nella regolazione del metabolismo cellulare attraverso la produzione di eicosanoidi bioattivi. Tutti e tre i LC-PUFA sono collegati ad anomalie nello sviluppo, ridotto successo nella schiusa e bassa sopravvivenza della prole in numerosi pesci teleostei quando presenti in livelli o rapporti subnormali.


La composizione delle uova di pesce è specie-specifica ed è allo stesso tempo un buon indicatore della dieta dei riproduttori. Pertanto, la composizione degli acidi grassi della dieta dei riproduttori può influenzare le prestazioni riproduttive femminili e modificare la composizione degli acidi grassi nelle uova risultanti, il che influenza la qualità delle uova. Numerosi studi su un certo numero di specie, ad es. sogliola (Solea solea), merluzzo bianco (Gadus morhua), dentice (Lutjanus guttatus) e anguilla europea (Anguilla anguilla) hanno riferito che la composizione biochimica della dieta differisce significativamente tra i riproduttori di origine selvatica e di allevamento e questo si riflette nella composizione delle uova, principalmente nel profilo FA.


Inoltre, i tassi di fecondazione e di schiusa in diverse specie di pesci sono risultati significativamente più elevati per le uova provenienti da riproduttori di origine selvatica (di seguito denominate uova di origine selvatica) rispetto alle uova di riproduttori di allevamento (di seguito denominate uova di origine agricola). La dieta specifica per specie dei riproduttori allevati è quindi di fondamentale importanza e si ritiene che sia meglio progettata sulla composizione biochimica delle uova di pesce di origine selvatica.


Una di queste specie, per la quale è necessario migliorare la dieta dei riproduttori, al fine di affrontare con successo i programmi di ripopolamento basati sul ripopolamento di novellame allevato in vivaio, è il temolo europeo, Thymallus Thymallus. Il temolo europeo, distribuito in parti dell'emisfero settentrionale, appartiene alla famiglia dei Salmonidae, sottofamiglia Thymallinae. Abita fiumi e torrenti freschi con forti correnti e acqua pulita e ben ossigenata, ma si trova anche nei laghi. Il temolo adulto si nutre prevalentemente di bentonici e consuma un'ampia varietà di prede.


Il temolo raggiunge la maturità sessuale tra i due e i tre anni. La deposizione delle uova avviene in primavera, da fine marzo a inizio giugno con una stagione riproduttiva che dura dai 2 ai 24 giorni. Il temolo europeo è un pesce altamente fecondo che può produrre da 6400 a ben 31000 uova per kg di peso corporeo, con dimensioni delle uova che vanno da 2,5 mm a 3,5 mm. Le femmine rilasciano le uova più volte nell'arco di due giorni, solitamente con lo stesso maschio e nello stesso luogo di deposizione.


L’allevamento del temolo in cattività è impegnativo soprattutto a causa dell’elevata mortalità durante lo sviluppo embrionale. Si ritiene che l'elevata mortalità venga superata quando tutte le fasi dell'allevamento, compresa la nutrizione dei riproduttori, che sarebbe basata sulla composizione biochimica delle uova di temolo di origine selvatica, fossero ottimizzate. Al giorno d'oggi i riproduttori di temoli vengono generalmente alimentati con mangime per allevatori di trote che non soddisfa i requisiti dei pesci riproduttori, o mangime per riproduttori di trote macinato in particelle più piccole, nessuno di questi essendo ottimizzato per il temolo.


Per quanto ne sappiamo, la composizione biochimica delle uova di temolo non è stata ancora descritta e non sono note le differenze nella composizione delle uova selvatiche e di allevamento, che potrebbero essere correlate all’elevato tasso di mortalità embrionale nel temolo d’allevamento. Lo scopo del presente studio è determinare e confrontare la composizione biochimica delle uova raccolte da femmine di temolo di origine selvatica sul terreno di deposizione delle uova e le uova raccolte da femmine di temolo da riproduzione in allevamento. Nello specifico, sono stati confrontati la composizione degli acidi grassi dell'uovo, il contenuto proteico e il colore. Inoltre, la composizione biochimica delle uova di temolo di origine selvatica potrebbe gettare le basi per l’ulteriore sviluppo di una dieta adeguata per i riproduttori di temoli.


Conclusioni e prospettive future

Questo studio è il primo a confrontare la composizione biochimica delle uova di femmine di temolo selvatiche e di allevamento, mostrando differenze statisticamente altamente significative nel contenuto di proteine e acidi grassi. Le differenze nel contenuto di LC-PUFA (DHA, EPA e ARA) e nei loro rapporti sono di particolare importanza, perché in precedenza erano correlati alla qualità delle uova in altre specie di pesci. I risultati di questo studio indicano una nutrizione inadeguata dei riproduttori di temoli, con conseguente bassa qualità delle uova di origine allevata. I parametri riproduttivi di base, tra cui la fecondazione, il tasso di schiusa e di sopravvivenza e la presenza di deformità allo stadio embrionale e larvale, sono della massima importanza nell'allevamento a fini di conservazione e dovrebbero essere ottimizzati soddisfacendo pienamente le esigenze nutrizionali degli individui riproduttori allevati in incubatoio.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Comparative biochemical composition of wild and farm origin grayling (Thymallus thymallus) eggs" e consultabile in versione integrale presso l'Italian Journal of Animal Sciences al seguente link:

17 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page