top of page

Amido: l'elemento caratteristico delle crocchette per cani e della loro appetibilità


Gli alimenti per cani non sono tutti uguali. Le caratteristiche e la desiderabilità delle crocchette che diamo ai nostri amici a quattro zampe sono determinate dalla selezione degli ingredienti e dal processo di lavorazione utilizzato. Specialmente la scelta di ingredienti può determinare l'aspetto, l'appetibilità e la digeribilità finale dell'alimento e, di conseguenza, anche il benessere degli animali. Vediamolo nel dettaglio.


Il processo di estrusione mira a cuocere, modellare e texturizzare una massa omogenea di ingredienti combinando umidità, pressione, temperatura e attrito meccanico in tempi brevi. È il principale processo utilizzato in tutto il mondo per produrre diete commerciali per animali domestici. Tra gli ingredienti inclusi nell'impasto, le fonti di amido sono le principali responsabili delle proprietà reologiche che caratterizzano la maggior parte dei prodotti estrusi. In generale, la frazione di amido funziona come un polimero termoplastico durante l'estrusione.


All'uscita dall'estrusore, la pressione e la temperatura differenziale inducono la vaporizzazione dell'acqua che deforma l'amido gelatinizzato. Quando l'acqua, l'energia e il tempo sono sufficienti nel processo, i granuli di amido perdono la loro cristallinità, si gonfiano e si disgregano, formando una massa amorfa che lega tutti i componenti dell'alimento formando una struttura continua. Ciò determina una struttura cellulare nelle crocchette, responsabile della loro espansione e della formazione di croccantini, importanti per l'aspetto, l'appetibilità e la digeribilità delle diete e alimenti per cani.


L'amido è presente in diverse specie vegetali come carboidrato digeribile di riserva, essendo abbondante nei cereali (580-830 g/kg su base di sostanza secca DM), nei legumi (270-570 g/kg DM) e nei tuberi (950-970 g/kg DM). Sebbene il mais e il riso spezzato siano ampiamente utilizzati negli alimenti estrusi per cani, l'interesse per diverse fonti di amido è aumentato, a causa di tendenze commerciali o formulazioni specifiche (ad esempio, diete per cani diabetici e obesi), esplorando l'uso di cereali integrali (riso integrale e sorgo), legumi (lenticchie, ceci e piselli) e tuberi (patata e manioca).


Tuttavia, è noto che la composizione di queste materie prime, principalmente le differenze nella forma cristallina dei loro granuli di amido, il rapporto amilosio-amilopectina e la concentrazione di fibre possono influenzare la gelatinizzazione dell'amido, la viscosità e il taglio all'interno del cilindro dell'estrusore. Ad esempio, i legumi, come i piselli e i ceci, presentano una concentrazione di amilosio (240-490 g/kg di DM) e di fibre (circa 170 g/kg di DM) superiore a quella dei cereali (circa 200-300 g/kg di amilosio e 80 g/kg di fibre su base DM nel mais), che può influire sulle proprietà reologiche dell'amido durante il processo di estrusione, dando luogo a crocchette con caratteristiche diverse.


Le differenze nella consistenza delle crocchette dovute al diverso comportamento delle fonti di amido durante il processo di estrusione possono influenzare l'appetibilità e la digeribilità della dieta e la risposta postprandiale nei cani.


Le modifiche causate dall'estrusione sulla qualità nutrizionale e sulla sicurezza microbiologica delle diete sono già descritte in letteratura. Tuttavia, pochi studi pubblicati hanno valutato gli effetti delle fonti di amido sulle caratteristiche delle crocchette e sull'appetibilità della dieta degli alimenti per animali domestici. Come differenziale, questo studio fornisce una valutazione delle fonti di amido alternative al mais negli alimenti estrusi per cani. Pertanto, l'obiettivo di questo studio è stato quello di valutare l'influenza di diverse fonti di amido sui parametri di estrusione, sulle caratteristiche fisiche delle crocchette e sull'appetibilità della dieta nei cani.



Conclusioni tratte dall'analisi


L'inclusione della patata e della patata dolce come fonti di amido determina un'espansione, una dimensione, una durezza, una porosità e una densità inferiori delle crocchette. Sembra inoltre che gli amidi di patata e patata dolce aumentino la PMI durante il processo di estrusione. L'inclusione di fonti di amido con un'elevata concentrazione di fibre, come il pisello, determina diete con crocchette meno espanse e con una minore porosità. Inoltre, il contenuto di umidità e la consistenza delle crocchette influiscono sull'appetibilità della dieta nei cani.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Starch sources and their influence on extrusion parameters, kibble characteristics and palatability of dog diets" presente sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link:

16 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page