top of page

Stress e paura dei gatti durante gli esami veterinari: quali fattori influenzano queste reazioni?



Il benessere degli animali da compagnia è una priorità a cui i proprietari prestano particolare attenzione, soprattutto nei momenti in cui vengono sottoposti a situazioni di stress. La visita nella clinica veterinaria, ad esempio, è un momento che causa nei gatti in particolare l'aumento di stress e, di conseguenza, di variazioni nei comportamenti. Questo nuovo studio ha voluto analizzare non solo le variazioni comportamentali nei gatti, ma soprattutto le soluzioni per ridurre al massimo lo stress durante le visite veterinarie, il viaggio, e la permanenza in un ambiente diverso. Vediamolo nel dettaglio.


I gatti diventano molto stressati durante le visite alla clinica veterinaria. I proprietari di gatti italiani hanno riferito che i loro gatti erano stressati in base a parametri fisiologici, come l’aumento della frequenza cardiaca e la presenza di pupille dilatate, e cambiamenti comportamentali. In particolare, i gatti sono stati ritenuti sotto stress quando venivano mostrati ipervocalizzazione, orecchie all'indietro, minzione e defecazione inappropriate o aumentate, tentativi di fuga e comportamento aggressivo. I proprietari di gatti hanno inoltre riferito che i loro gatti erano particolarmente stressati durante i viaggi o durante le visite veterinarie. Per questo motivo, i loro proprietari hanno riferito che preferiscono non consultare un veterinario in una clinica o in un ospedale per evitare questo stress.


Gli esami veterinari sono impegnativi anche per il personale che rischia di essere graffiato o morso da gatti agitati e aggressivi. Molti proprietari di gatti hanno inoltre riferito che i loro animali hanno mostrato segni di peggioramento del benessere durante tutte le fasi della visita veterinaria e di ostilità per diversi giorni dopo il ritorno a casa, il che è particolarmente indesiderabile per gli animali malati o convalescenti. Anche una singola visita alla clinica veterinaria può avere un impatto drammatico sul comportamento a lungo termine di un gatto. Lo stress causato dall'ambiente veterinario è quindi indesiderabile non solo per gli effetti sul comportamento ma anche per gli effetti negativi sul sistema immunitario, sulla velocità di recupero dell'animale e per il rischio di lesioni al personale veterinario.


In letteratura esistono diversi suggerimenti per ridurre al minimo lo stress dei gatti durante le visite veterinarie. Sono stati proposti farmaci a breve durata d'azione per sedare l'animale. Tuttavia, le reazioni avverse a questi farmaci sono fattori che ne limitano l’uso. I gatti, rispetto ad altre specie, sono infatti carenti di alcune vie metaboliche utilizzate per metabolizzare i farmaci psicoattivi e analgesici. Questa carenza può portare a tossicità o mancanza parziale o totale di effetti. Un uso appropriato di farmaci e ansiolitici prima della visita veterinaria può tuttavia essere un aiuto sostanziale nel ridurre al minimo lo stress nei pazienti.


Recentemente, le cliniche certificate Fear Free® (https://fearfreepets.com/) hanno pubblicato una guida da utilizzare per scegliere i migliori farmaci pre-visita che possono essere utilizzati per sedare o ridurre l'ansia negli animali che devono essere sottoposti a visita veterinaria. Tra i farmaci suggeriti, il gabapentin si è dimostrato sicuro ed efficace nel trattamento dei gatti per contribuire a ridurre lo stress e l’aggressività prima e durante la visita veterinaria.


Anche se spesso viste con sospetto, altre terapie complementari, come i fiori di Bach (piccole quantità di essenza floreale usate per calmare gli animali emotivi), il Reiki e lo Shen (la canalizzazione dell'energia nel paziente da parte del terapista) sono state implementate in alcuni studi veterinari per trattare una serie di problemi di ansia negli animali, inclusi lo stress e la paura indotti dagli esami veterinari nei gatti.


Tuttavia, recentemente, la comprensione del comportamento e della fisiologia dei gatti è migliorata, portando a una gestione clinica superiore di questa specie, e i metodi comportamentali sono stati utilizzati anche come protocolli di trattamento razionale per gestire i gatti durante gli esami veterinari. È stato inoltre raccomandato di educare tutori e veterinari a ridurre al minimo lo stress durante ogni fase della visita.


La prevenzione sembra essere utile anche per ridurre al minimo lo stress e la paura nei gatti. È stato suggerito di preparare il paziente prima della visita per prevenire l'accumulo di ansia e alleviare lo stress all'arrivo in ospedale. Cani e gatti imparano rapidamente ad associare esperienze spaventose o dolorose all'ospedale veterinario e al personale attraverso il condizionamento classico. È stato riferito che molti gatti si nascondevano in presenza del trasportino e vocalizzavano durante il viaggio verso l'ospedale veterinario.



Tuttavia, il condizionamento classico e il controcondizionamento classico potrebbero ridurre la frequenza di tali comportamenti indesiderati. Questo approccio potrebbe essere utile anche per i pazienti che si presentano in emergenza, in quanto la formazione potrebbe essere effettuata preventivamente, riducendo lo stress durante una successiva visita di emergenza. L’American Association of Feline Practitioners (AAFP) e l’International Society of Feline Medicine (ISFM) hanno proposto linee guida per la gestione felina-friendly dei gatti.


Tali linee guida illustrano come preparare i clienti e i gatti al viaggio in ospedale e i segni progressivi di paura e ansia nei gatti dalle fasi iniziali a quelle avanzate. È stato dimostrato che un'adeguata formazione del trasportatore riduce lo stress durante il trasporto verso uno studio veterinario. L'ipotesi di questo studio era quindi che la familiarità con trasportini, viaggi in macchina e cliniche veterinarie minimizzerebbe lo stress e il comportamento legato alla paura nei gatti sottoposti a visita veterinaria, anche se fattori intrinseci, come età, sesso e temperamento avrebbero influenzato anche il comportamento del gatto.


Lo scopo di questo studio è stato quello di documentare il comportamento legato allo stress e alla paura dei gatti, con background diversi, durante gli esami veterinari e di indagare le possibili associazioni tra il loro comportamento e l'età, il sesso, il temperamento, i parametri fisiologici e la familiarità con trasportini, viaggi in macchina e visite veterinarie.


Questo studio ha documentato le risposte comportamentali di 95 gatti visitati in una clinica veterinaria tradizionale. I risultati hanno confermato che gli esami veterinari erano percepiti come eventi stressanti e paurosi che portavano a tachicardia, midriasi e spesso a comportamenti e linguaggio del corpo legati alla paura e all'aggressività. Età e sesso sono stati associati al comportamento dei gatti, confermando il nesso tra comportamento, effetti genetici e ambientali.


La familiarità con i trasportini e i viaggi in macchina sembra ridurre al minimo le risposte comportamentali di stress e paura, ma questi risultati dovranno essere accertati in ulteriori studi, raccogliendo maggiori informazioni sul tipo di addestramento utilizzato per viaggiare e sull'esperienza passata dei gatti durante i viaggi in macchina e sugli esami clinici.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Factors influencing stress and fear-related behaviour of cats during veterinary examinations" presente sull'Italian Journal of Animal Science e consultabile in versione integrale al seguente link:

12 visualizzazioni0 commenti
bottom of page