top of page

Allevamento sostenibile di conigli in ambienti difficili: il caso del Burkina Faso


Il Burkina Faso, nonostante le sfide socio-economiche e ambientali che ostacolano il suo sviluppo sostenibile, ha trovato nell'allevamento di animali di taglia piccola una risorsa promettente per combattere la fame e la povertà. Questi animali, capaci di adattarsi a condizioni più povere rispetto ad altre specie di bestiame, offrono un'opportunità per le popolazioni rurali e urbane di trarre beneficio dall'alta domanda di prodotti animali nel Paese. Un recente studio ha approfondito le potenzialità offerte dall'allevamento della popolazione locale di conigli, confrontandone la morfologia con quella di altre due razze di allevamento. Di seguito l'approfondimento.


Le sfide persistenti della povertà e della fame, in particolare nell'Africa subsahariana, accentuano il ciclo di indigenza a causa dell'accesso limitato alle risorse, all'istruzione e alle opportunità di lavoro. Il bestiame di piccola taglia, in particolare i conigli, è emerso come un'alternativa promettente ma ancora inesplorata per alleviare la povertà nell'Africa subsahariana e nei Paesi in via di sviluppo in generale. Di seguito l'approfondimento.


Il Burkina Faso, situato nell'Africa occidentale, deve affrontare numerosi ostacoli socio-economici e ambientali che impediscono il progresso verso uno sviluppo sostenibile. Di fronte a sfide come il cambiamento climatico e la crescita demografica, i conigli sono diventati una fonte proteica di carne privilegiata, soprattutto per "porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un'agricoltura sostenibile".


A differenza delle specie di bestiame più grandi, come i bovini o le capre, i conigli richiedono uno spazio e un investimento finanziario minimi, offrendo così alle popolazioni povere rurali e urbane la possibilità di trarre vantaggio dall'elevata e crescente domanda di prodotti animali. Inoltre, i conigli possono essere allevati con una dieta che non richiede cereali, fondamentale in un contesto geopolitico in cui i prezzi dei cereali aumentano e la domanda cresce. Comprendere il potenziale delle popolazioni locali di conigli del Burkina Faso (BLF) è fondamentale, soprattutto in relazione allo stress da caldo, che influisce significativamente sulla crescita dei conigli.


In Africa Occidentale, le ONG promuovono attivamente l'allevamento di piccoli animali come potente strumento contro l'insicurezza alimentare, fornendo formazione e sostegno alle comunità locali.


Il presente lavoro presenta i risultati di uno studio condotto nell'ambito di un progetto di cooperazione, volto a caratterizzare la morfologia di una popolazione locale di conigli.

Per produrre dati comparativi di valore, le stesse misure morfometriche sono state raccolte anche da due distinte popolazioni di conigli italiani: la prima è una razza locale a medio accrescimento chiamata Leprino di Viterbo (LV), e l'ultima un ibrido a rapido accrescimento (un incrocio Nuova Zelanda × California, NZC), utilizzato principalmente in sistemi di allevamento intensivo.


L'uso delle misure corporee insieme al peso corporeo vivo (BW) è di grande importanza per definire le prestazioni del bestiame, così come la correlazione tra le misure corporee e i tratti di prestazione. Inoltre, per valutare il potenziale riproduttivo delle popolazioni di conigli del Burkina Faso, è stata condotta una path analysis sulle misure, per identificare i tratti morfometrici chiave che possono essere prioritari nei futuri piani di allevamento.


Questi dati sono stati utilizzati anche per eseguire un'analisi PCA al fine di confrontare le caratteristiche morfometriche con l'obiettivo di identificare le differenze morfometriche chiave in termini di forma e proporzione di alcuni tratti, ad esempio la lunghezza delle orecchie (EL) e la lunghezza della coda (TL) come prova del "mutamento di forma" (cambiamenti nelle dimensioni delle appendici) in risposta allo stress termico.


Al di là dell'indagine scientifica, lo studio sottolinea il ruolo strategico del bestiame di piccola taglia come i conigli in Burkina Faso, offrendo una potenziale soluzione all'insicurezza alimentare e alla generazione di reddito per le popolazioni rurali. I risultati mirano a sottolineare l'importanza di interventi di tipo scientifico per sbloccare il pieno potenziale delle risorse animali locali nell'adattamento ad ambienti difficili.


Conclusioni dello studio e possibili sviluppi


Il presente studio fa luce sulla diversità morfologica e sulle caratteristiche della popolazione locale di conigli BFL rispetto ai conigli NZC e LV.

Come previsto, i conigli BFL hanno mostrato dimensioni corporee più piccole nella maggior parte dei parametri morfometrici, sottolineando il loro potenziale di adattabilità alle specifiche condizioni di allevamento e la possibile influenza degli adattamenti ambientali, in particolare nella gestione dello stress da caldo.


I confronti effettuati con altre popolazioni di conigli provenienti da diverse parti dell'Africa rivelano sia somiglianze che variazioni nei parametri morfometrici, sottolineando le distinzioni in BL e peso. Inoltre, le correlazioni e l'analisi del percorso rivelano relazioni critiche tra i tratti morfometrici (CG, AG, RW e NSL) e il peso corporeo dei conigli, sottolineando l'importanza di queste variabili nel potenziale di crescita. Soprattutto nelle regioni con risorse limitate per la valutazione del potenziale di crescita, la misurazione di CG, AG, RW emerge come strumento chiave da considerare per migliorare i tassi di crescita dei conigli.



Occorre prestare attenzione alle variazioni di EL e TL per comprendere l'impatto delle condizioni di allevamento sulle dimensioni e sulla morfologia, in particolare per far fronte allo stress da caldo. Gli indici di traspirazione evidenziano potenziali differenze tra le razze allevate all'aperto (BFL e LV) e gli ibridi per l'allevamento intensivo (NZC), che meritano ulteriori indagini.


I risultati hanno implicazioni per la gestione e l'utilizzo sostenibile della popolazione di conigli in Burkina Faso e oltre, offrendo spunti per future ricerche e sforzi di conservazione relativi alla popolazione di conigli e al loro potenziale adattamento alle condizioni climatiche locali.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Unlocking the potential of local rabbit population: morphological insights for sustainable rabbit farming in Burkina Faso’s challenging environments" presente sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link:

23 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page