top of page

S-acetil-glutatione: quali sono gli effetti dell'integratore antiossidante in cani sani?


Una dieta equilibrata è indispensabile per una buona salute e il benessere, tanto negli umani come nei nostri animali da allevamento o da compagnia. Un recente studio ha investigato quali potessero essere gli effetti dell'integrazione di un antiossidante come l'S-acetil-glutatione nella dieta dei cani. Di seguito l'approfondimento.


Il glutatione è uno degli agenti più importanti del sistema di difesa antiossidante delle cellule e svolge un ruolo rilevante nella detossificazione di vari composti, tra cui farmaci, prodotti metabolici endogeni e metalli tossici.

Lo stress ossidativo si verifica quando c'è uno squilibrio tra fattori antiossidanti e pro-ossidanti a livello sistemico e svolge un ruolo importante nell'eziologia e nella patogenesi di diverse malattie nell'uomo e negli animali.


Gli enzimi antiossidanti, in particolare la glutatione perossidasi (GPx), sono un marcatore comunemente utilizzato dello stato antiossidante negli animali. La GPx è coinvolta nel metabolismo del glutatione e la sua riduzione è necessaria per l'azione della GPx.


La GPx svolge un ruolo importante nella protezione dell'attività enzimatica dei globuli rossi e delle membrane biologiche delle cellule dal danno ossidativo ed è presente prevalentemente negli eritrociti, nei reni e nel fegato. È stato riscontrato che la GPx diminuisce nei cani e nei gatti affetti da diverse patologie (ad esempio leishmaniosi, anemia, malattie cardiache, renali ed epatiche).


In effetti, aumentare i livelli di GPx può essere benefico e appropriato per ridurre lo stress ossidativo.


Il S-acetil-glutatione (SAG), un precursore del glutatione, è molto stabile nel plasma e viene assunto direttamente dalle cellule. Il SAG proviene dalla fermentazione di Saccharomyces cerevisiae ed è basato sul GHS legato a un atomo di zolfo. In un recente studio in vitro, l'attività della GPx è risultata compromessa dopo l'esposizione cronica al CCl4, rispetto ai gruppi sham, mentre la somministrazione di SAG l'ha ripristinata in modo significativo.


La somministrazione di SAG, data la sua capacità di mantenere uno stato riduttivo cellulare, ripristina significativamente i livelli di glutatione e l'attività della GPx, mentre riduce fortemente i livelli di disolfuro di glutatione (GSSG) e la perossidazione lipidica nel fegato. La somministrazione contemporanea di altri ingredienti naturali con funzione antiossidante (ad esempio, vitamina E, vitamina B, bioflanoidi) potrebbe favorire l'attività del SAG. È stato dimostrato che questi prodotti possono migliorare il livello di GPx e potrebbero anche contribuire al miglioramento della funzionalità del fegato e di altri organi.



Questo studio randomizzato e in doppio cieco su cani sani è stato condotto per un totale di 35 giorni per testare un integratore contenente SAG e altri ingredienti naturali con funzione antiossidante, per verificare eventuali cambiamenti nel livello di GPx e in altri parametri epatici.


Conclusioni e possibili sviluppi dello studio


I risultati del nostro studio pilota su cani sani sono molto promettenti per la pianificazione di studi futuri, in particolare su cani affetti da malattie epatiche. Inoltre, potrebbero essere prese in considerazione diverse condizioni patologiche che comportano stress ossidativo (ad esempio, endocrinopatia, malattie renali, malattie epatiche, pancreatite acuta).


Nuovi studi potranno confermare che la somministrazione di questo integratore può contrastare lo stress ossidativo aumentando la concentrazione di GPx e migliorando altri parametri ematici clinicamente rilevanti. Sarebbe inoltre interessante vedere l'effetto dell'integratore in un periodo di somministrazione più lungo e su altri biomarcatori antiossidanti come le superossido dismutasi, le emossigenasi e le catalasi.



 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "The effect of a diet supplement containing S-acetyl-glutathione (SAG) and other antioxidant natural ingredients on glutathione peroxidase in healthy dogs: a pilot study" presente sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/1828051X.2023.2221073?src=exp-mr

12 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page