top of page

Residui di imballaggio nei mangimi animali: quali rischi e come ridurli?


Tra le fonti alternative di mangimi animali anche gli scarti alimentari non idonei al consumo umano, e tuttavia ancora in buono stato, tale da far approvare all’Unione Europea il loro impiego in questo settore, al fine di evitare sprechi alimentari. Il riciclo di questi prodotti, comporta l'adozione di una serie di precauzioni, dovute alla possibile presenza di residui di imballaggi di varia tipologia e dimensione. Diversi studi si sono concentrati sull'individuazione dei rischi della presenza di questo genere di residui e sulle metodologie per ridurne la massa presente. Di seguito l'approfondimento.


Gli scarti alimentari (FFP) sono fonti alternative di mangimi approvate dalla Commissione Europea e sono regolamentate dalle linee guida del Catalogo Europeo delle Materie Prime per Mangimi (Reg. UE 2018/851; Pinotti et al. Citation2023a). Gli scarti provengono dalla produzione di alimenti in cui si verificano perdite di cibo generate involontariamente e inevitabilmente.


A causa di errori di produzione o di un eccesso di offerta durante le festività, i prodotti fitosanitari devono uscire dal mercato del consumo umano. Tuttavia, i prodotti fitosanitari possiedono ancora sostanze nutritive preziose, come l'amido trasformato, gli zuccheri semplici e i grassi, adatte a essere utilizzate nelle diete degli animali. Nonostante siano al sicuro da rischi microbiologici, nei prodotti alimentari liquidi esistono rischi fisici come la contaminazione da oggetti estranei o materiali estranei. I pericoli fisici più rilevanti nei prodotti fitosanitari sono i residui dei materiali di imballaggio, poiché i prodotti fitosanitari derivano da prodotti alimentari rifiutati dal mercato e da eccedenze. Inavvertitamente, questi resti di imballaggio possono essere introdotti nel processo di produzione dei mangimi. In effetti, Mazzoleni et al. hanno individuato alcuni resti di imballaggio nei mangimi per animali raccolti da diversi impianti di lavorazione dei mangimi per animali di varie aree geografiche, utilizzando la spettroscopia infrarossa a trasformata di Fourier abbinata a un microscopio ottico (μFT-IR).


Per trasformare in mangimi per animali quantità considerevoli di alimenti riciclati dall'industria alimentare e dai supermercati, negli impianti di produzione di mangimi vengono praticate di routine diverse procedure e tecniche.

Fondamentalmente, la rimozione dei materiali di imballaggio dai prodotti fitosanitari prevede tre fasi:

  1. processi di pretrattamento, tra cui la macinazione, l'essiccazione, la dissoluzione e la spremitura;

  2. processi di separazione, tra cui la setacciatura, lo spostamento del vento, l'applicazione di un magnete o di un campo magnetico elettrico e la centrifugazione;

  3. il monitoraggio dei prodotti fitosanitari non imballati e, se necessario, la rimozione manuale dei materiali di imballaggio ancora presenti.


In generale, i resti di imballaggio di dimensioni superiori a 1 mm possono essere identificati visivamente, estratti manualmente e quantificati in base al loro peso.


Questa procedura si è evoluta in una pratica di routine per esaminare gli aspetti di qualità e sicurezza dei prodotti fitosanitari utilizzati come ingredienti per mangimi. A seconda della natura dei prodotti fitosanitari (stato della materia, contenuto di umidità, solubilità, dimensione delle particelle, densità e consistenza) e dei materiali di imballaggio (vetro, cartone, carta, plastica e metalli ferrosi o non ferrosi), le combinazioni delle tecniche sopra menzionate saranno eseguite manualmente e/o automaticamente.


Tuttavia, anche con i trattamenti di rimozione degli imballaggi sui prodotti fitosanitari e il successivo controllo visivo, piccole quantità di residui di imballaggio possono ancora essere presenti nei prodotti finali. I tipici resti di imballaggio presenti nei prodotti fitosanitari sono carta/cartone, plastica e fogli di alluminio. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che la cellulosa o le fibre di carta/cartone sono i materiali più abbondanti di resti di imballaggio osservati nei campioni di PFF ispezionati, anche se il materiale di imballaggio più frequentemente utilizzato è la plastica. Ciò è dovuto al fatto che la macinazione e la dissoluzione sono più efficaci per rimuovere i pezzi di plastica o di foglio di alluminio dagli imballaggi di prodotti alimentari zuccherati come le caramelle. Inoltre, quando i prodotti fitosanitari sono umidi, come i latticini o le bevande, la dissoluzione della cellulosa o delle fibre nel liquido può avvenire facilmente.


I resti di imballaggio, indipendentemente dal tipo di materiale, non sono accettati come ingredienti per mangimi. Tuttavia, l'attuazione di uno standard di tolleranza zero sui resti di imballaggio presenti nei prodotti fitosanitari non è praticamente realizzabile e può costituire un ostacolo allo sfruttamento dei prodotti fitosanitari nell'alimentazione animale.


Invece, dal momento che la presenza di resti di imballaggio nei prodotti fitosanitari è quasi inevitabile e tali piccole quantità di resti non presentano rischi per gli animali e l'uomo, si potrebbe applicare uno standard di tolleranza massima.



Secondo Kamphues, livelli di contaminazione del materiale di imballaggio fino allo 0,15% in peso/peso sono considerati inevitabili nei prodotti da forno. Quando sono stati impostati diversi livelli di tolleranza per verificare il numero di campioni di prodotti fitosanitari da scartare a causa di livelli di contaminazione più elevati, i livelli di tolleranza tra lo 0,1% p/p e lo 0,2% p/p non hanno causato grandi differenze nel numero di scarti risultanti. Inoltre, oltre il 90% dei campioni di carne bovina testati presentava livelli di resti di imballaggio inferiori ai livelli di tolleranza presunti, compresi tra lo 0,1% e lo 0,2% di peso/peso.


Pertanto, si è concluso che un livello di tolleranza dello 0,125% p/p per i resti di imballaggio nei prodotti fitosanitari non dovrebbe causare rischi significativi e che una tolleranza massima dello 0,2% p/p è accettabile. Ad esempio, ipotizzando che il 30% di FFP sia incluso nella dieta dei suini e che i livelli di tolleranza siano fissati tra lo 0,1% p/p e lo 0,2% p/p, si otterrebbero livelli compresi tra lo 0,03% p/p e lo 0,06% p/p di resti di imballaggio nel mangime finale.


Tra i diversi materiali di imballaggio, la plastica è quella che desta maggiori preoccupazioni. La plastica può frammentarsi in microplastiche e persino in nanoplastiche che possono influire negativamente sulla sicurezza alimentare modificando le proprietà del suolo e diminuendo la produttività di piante e bestiame.

In questo modo, le microplastiche possono compromettere la sicurezza alimentare attraverso il consumo umano di prodotti contaminati. Tuttavia, gli effetti tossici diretti delle microplastiche ingerite per via orale si verificano solo a dosi estremamente elevate e poco si sa sugli effetti indiretti dell'ingestione di microplastiche sugli organismi viventi, come la tossicologia delle particelle, lo stress ossidativo e la risposta infiammatoria.


Nel bestiame, dopo l'escrezione biliare e la migrazione dei macrofagi, la maggior parte delle particelle di microplastica dovrebbe essere espulsa attraverso le feci. Se alcune microplastiche rimangono ancora nel corpo degli animali, si trovano prevalentemente nel tessuto gastrointestinale, che non è una delle principali fonti alimentari per il consumo umano.


Per ottenere un livello di rischio sufficientemente basso negli ingredienti per mangimi derivati dagli scarti alimentari, è necessario migliorare le tecniche di rimozione degli imballaggi e il monitoraggio del prodotto finale. Inoltre, non esistono informazioni adeguate e affidabili sulla presenza, il tipo di materiale, la dimensione e la forma delle particelle dei resti di imballaggio nei prodotti fitosanitari.


Pertanto, il presente lavoro mira a fornire informazioni sulle dimensioni e sulla forma dei resti di imballaggio di tre materiali comunemente rilevati nei prodotti fitosanitari, ovvero alluminio, cellulosa e plastica.


Di conseguenza, grazie a tali informazioni, le PFL e i rispettivi trasformatori di mangimi potrebbero migliorare ulteriormente le tecniche di produzione ed eseguire diverse combinazioni di trattamenti di rimozione degli imballaggi. In questo modo, è possibile ridurre al minimo la quantità di resti di imballaggio nei prodotti fitosanitari e migliorare la sicurezza dei mangimi. Ciò contribuirà a fare un passo avanti nella promozione dell'uso dei prodotti fitosanitari nell'industria zootecnica.


Conclusioni e possibili sviluppi dello studio


Il presente studio mira a fornire informazioni sulle caratteristiche dimensionali e formali dei resti di imballaggio in alluminio, cellulosa o plastica rilevati nei prodotti alimentari per animali.


Tali informazioni sono importanti per migliorare le tecniche di rimozione degli imballaggi nell'industria di trasformazione dei prodotti fitosanitari, nonché per il monitoraggio e l'ispezione della qualità dei prodotti finali. In questo modo, è possibile rafforzare ulteriormente l'aspetto della sicurezza dei prodotti fitosanitari destinati all'alimentazione animale.


Combinando i risultati degli attributi di dimensione e forma ottenuti con la microscopia e l'analisi delle immagini, si può concludere che i resti di alluminio erano generalmente di dimensioni più piccole e di forma più rotonda e regolare rispetto ai resti di cellulosa e plastica. Inoltre, i valori ottenuti per i resti di alluminio sembravano essere più coerenti, grazie alle sue caratteristiche di flessibilità e di piega morta.


Tuttavia, non è stata riscontrata una separazione sufficiente tra gli attributi di dimensione o forma per fornire una sorta di regole di classificazione concreta dei resti prodotti da questi tre materiali. Pertanto, sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio le proprietà chimiche e fisiche dei resti di imballaggio dei prodotti fitosanitari e la loro associazione con i metodi di lavorazione utilizzati negli impianti di alimentazione. Di conseguenza, il riutilizzo dei PFC nell'alimentazione del bestiame per promuovere l'economia circolare può garantire la sicurezza e la qualità dei mangimi.


 

Fonti:

Il presente articolo è un estratto della pubblicazione intitolata "Size and shape attributes of packaging remnants commonly detected in former food products" presente sull'Italian Journal of Animal Sciences e consultabile in versione integrale al seguente link:

7 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page